Terza Pagina

Vuoi perdere peso? Scopro i dolcificanti che aumentano il bisogno di zucchero e fanno prendere peso

edulcoranti-dolcificantiYale University – Avete un cucchiaino di zucchero nel caffè con una pillola di dolcificante pensando che contiene meno calorie? Errore. Questo, almeno, è quello che dimostra un recente studio condotto da ricercatori della Yale University .
Pubblicato sulla rivista The Journal of Physiology, lo studio dimostra che il segnale conosciuto per svolgere un ruolo nella regolazione della dopamina si rivela solo quando lo zucchero viene consumato. In altre parole, se hai bisogno di zucchero e prendete dolcificanti, il vostro cervello non sarà ingannato. Non avrete mai la sensazione di “ricompensa” che dovrebbe seguire l’assunzione di zucchero.
“Questo è confermato dal fatto che quando si fa fare a topi affamati- fino a quel momento con bassi livelli di zucchero nel sangue- la scelta tra dolcificanti e zucchero è maggiore la probabilità che la preferenza vada allo zucchero, anche se dolcificante ha l’aria di essere molto più dolce “, dice Ivan de Araujo della Yale University .
Insomma: prendere dolcificanti se si ha bisogno di zucchero è un errore. Il desiderio di zuccheri sarà solo forte in futuro. Va meglio, secondo di gli autori di questo studio, prendendo piccole dosi di zucchero, piuttosto che resistere e alla fine prenderne più del necessario.
La ricerca è stata condotta sui topi. Se i risultati sono gli stessi sulle persone, i ricercatori ritengono che questo potrebbe spiegare perchè i tassi di obesità continuino a salire nonostante l’arrivo sul mercato di alimenti e bevande senza zucchero. ( Fonte: Huffingtonpost).

LISTA DEI DOLCIFICANTI ARTIFICIALI PIU’ CONOSCIUTI

  • Acesulfame K
  • Aspartame
  • Saccarina
  • Sucralosio
  • Maltitolo
  • Isomalto
  • Ciclamato
  • Neoesperidina diidrocalcone
  • Naringina diidrocalcone

EFFETTI FISIOLOGICI DOLCIFICANTI (WIKI)

In generale i dolcificanti nell’uomo e in diversi altri mammiferi, stimolano il pancreas a sintetizzare insulina. L’insulina è l’ormone che stimola le cellule corporee ad assorbire glucosio. Di conseguenza la concentrazione di glucosio nel sangue (la glicemia) diminuisce.I dolcificanti artificiali stimolano la produzione di insulina (a causa del gusto del dolce) in persone sane e abbassano quindi la loro glicemia. La conseguente iperinsulinemia stimola l’appetito.In diabetici che li usano normalmente non varia la glicemia, perché o non producono più abbastanza insulina (Diabete mellito di tipo 1) oppure le loro cellule sono diventate insensibili all’insulina (Diabete mellito di tipo 2).Questo effetto di “stimolazione dell’appetito” veniva usato (quando i maiali dovevano ancora essere grassi) per l’allevamento di suini, aggiungendo al cibo un po’ di saccarina.Chi intende perdere chili consumando prodotti “light” o surrogati di zucchero, ingerisce sicuramente meno calorie, ma deve tener presenti:

  • un aumento di appetito.
  • gli effetti di una persistente iperinsulinemia (rischio di Diabete mellito di tipo 2).
  • gli effetti scomodi di una ipoglicemia reattiva.
  • i problemi causati dall’aspartame o del ciclamato di sodio in sostituzione dello zucchero.

I dolcificanti a zero calorie sono tali perché non vengono digeriti e normalmente vengono espulsi con le urine, così da impedire un effetto accumulo nell’organismo. Tale fenomeno si può facilmente constatare tramite un computo delle quantità introdotte e di quelle rinvenute nelle urine (dove arrivano senza subire trasformazioni). Questi dolcificanti hanno pertanto un apporto nullo di carboidrati, grassi e proteine, sono chimicamente stabili e poco reattivi, e non seguono il metabolismo ordinario dei glucidi.

Università di Catania