“Qualità della vita” in crescita a Catania: ecco la classifica de Il Sole 24 Ore

Ecco una nuova classifica de Il Sole 24 Ore sulla qualità della vita: passi avanti per Catania.

Orgogliosa dei progressi raggiunti dalla città è la giunta catanese, fiera che il proprio operato abbia generato buoni frutti.  Stabile al 95° posto lo scorso anno, Catania passa al 94° quest’anno e guadagna ben 5 posti rispetto a due anni fa. Sale invece di sette posizioni Palermo che, grazie ai suoi 389 punti conquistati, passa dal 106° posto del 2015 al 99° posto nell’anno in corso. In termini di qualità della vita la situazione del meridione non è delle migliori. Dopo Bari e Messina, tra le grandi città del Sud, Catania supera Napoli, Reggio Calabria e Palermo.

La classifica elaborata dal Sole 24Ore tiene conto di una serie di indicatori attraverso i quali mette a confronto il “buon vivere” nelle varie provincie italiane. Merita il primo posto la città di Aosta, seguita da Milano e Trento. Grandi miglioramenti a Belluno che le permettono di schizzare dal 17° al 4° posto. Tredicesima in classifica è Roma mentre all’ultimo posto la meridionale Vibo Valentia.

In Sicilia, Caltanissetta sale alla centesima posizione, due posti in più su rispetto allo scorso anno. Agrigento migliora e passa dal 97° dello scorso anno al 90°. Perde otto posizioni Siracusa che dal 90° scende al 98° posto. Trapani passa dalla 96esima posizione alla 91esima mentre Ragusa dalla 78esima va al 82esima.  Enna guadagna nove posizioni in un anno, passando dal 93° al 84° posto e Messina dal 104° arriva  al 88°.

Riguardo al progresso di Catania parlano chiaro le classifiche parziali: passa dal 94° all’85° posto in termini di affari e lavoro, dall’90° all’80° posto per tasso di disoccupazione,  dall’95° all’85° posto per le imprese registrate e arriva a 55° posto per le aree a traffico limitato. Notevoli anche le posizioni riportate per le aree verdi come comune capoluogo e per il verde pubblico, attestandosi al 44° posto relativamente alla prima e al 74° posto relativamente alla seconda.

Il Comune di Catania, compiaciuto per i successi della città, si dice però ancora insoddisfatto: c’è ancora molto da fare per raggiungere obiettivi migliori e per valorizzare le potenzialità  che il territorio offre.

 

Articoli simili


"Non chiederci la parola che squadri da ogni lato l'animo nostro informe...codesto solo oggi possiamo dirti, ciò che non siamo, ciò che non vogliamo"

Advertisement

Leggi articolo precedente:
CATANIA – Riparte la mobilitazione degli studenti: occupato Liceo Spedalieri

Ripartono le proteste degli studenti che, come ogni anno, si concentrano nei primi giorni di dicembre. Proprio stamattina, davanti al...

Chiudi