Società

“Qualità della vita” in crescita a Catania: ecco la classifica de Il Sole 24 Ore

Ecco una nuova classifica de Il Sole 24 Ore sulla qualità della vita: passi avanti per Catania.

Orgogliosa dei progressi raggiunti dalla città è la giunta catanese, fiera che il proprio operato abbia generato buoni frutti.  Stabile al 95° posto lo scorso anno, Catania passa al 94° quest’anno e guadagna ben 5 posti rispetto a due anni fa. Sale invece di sette posizioni Palermo che, grazie ai suoi 389 punti conquistati, passa dal 106° posto del 2015 al 99° posto nell’anno in corso. In termini di qualità della vita la situazione del meridione non è delle migliori. Dopo Bari e Messina, tra le grandi città del Sud, Catania supera Napoli, Reggio Calabria e Palermo.

La classifica elaborata dal Sole 24Ore tiene conto di una serie di indicatori attraverso i quali mette a confronto il “buon vivere” nelle varie provincie italiane. Merita il primo posto la città di Aosta, seguita da Milano e Trento. Grandi miglioramenti a Belluno che le permettono di schizzare dal 17° al 4° posto. Tredicesima in classifica è Roma mentre all’ultimo posto la meridionale Vibo Valentia.

In Sicilia, Caltanissetta sale alla centesima posizione, due posti in più su rispetto allo scorso anno. Agrigento migliora e passa dal 97° dello scorso anno al 90°. Perde otto posizioni Siracusa che dal 90° scende al 98° posto. Trapani passa dalla 96esima posizione alla 91esima mentre Ragusa dalla 78esima va al 82esima.  Enna guadagna nove posizioni in un anno, passando dal 93° al 84° posto e Messina dal 104° arriva  al 88°.

Riguardo al progresso di Catania parlano chiaro le classifiche parziali: passa dal 94° all’85° posto in termini di affari e lavoro, dall’90° all’80° posto per tasso di disoccupazione,  dall’95° all’85° posto per le imprese registrate e arriva a 55° posto per le aree a traffico limitato. Notevoli anche le posizioni riportate per le aree verdi come comune capoluogo e per il verde pubblico, attestandosi al 44° posto relativamente alla prima e al 74° posto relativamente alla seconda.

Il Comune di Catania, compiaciuto per i successi della città, si dice però ancora insoddisfatto: c’è ancora molto da fare per raggiungere obiettivi migliori e per valorizzare le potenzialità  che il territorio offre.