KrylĂš Cosplay: quando il talento sale sul palco

In questi anni abbiamo parlato tanto e spesso del fenomeno Cosplay, una pratica originaria del Giappone oramai sdoganata anche in occidente e, senza paura di smentita, anche in Italia.

Il Cosplay nasce tra la fine degli anni settante e i primi anni ottanta, iniziando ad essere conosciuto fuori dal Giappone solo nella seconda metà degli anni novanta, quando le prime manifestazioni e fiere del fumetto, ovviamente già presenti anche in Italia, iniziarono a popolarsi di ragazzi e ragazze innamorati di questa nuova “moda”.

La parola “Cos-Play” nasce dall’unione di “Costume” e “Play” e sta ad indicare l’indossare un costume che renda simili ad un personaggio di Cartoni, Anime, Manga, Fumetti, Videogiochi, Film e via dicendo, interpretandolo in ogni minimo dettaglio, compreso l’atteggiamento e le movenze. E’ forse una delle “arti” attualmente piĂš complete, comprendendo la sartoria, la falegnameria, l’artigianato, la lavorazione del metallo, il trucco, il parrucco, il bodypainting, la danza, il canto e la recitazione.

In Sicilia abbiamo molte eccellenze, artisti conosciuti non solo nello stivale, per la loro partecipazione alle gare “maggiori”, ma anche all’estero. Una di queste è sicuramente Daniela Lo Presti, in arte KrylĂš Cosplay, rappresentante italiana al London Eurocosplay 2012, oltre che dottoressa sia alla facoltĂ  di Scienze Politiche di Catania e diplomata all’Accademia Catanese di Belle Arti.
Per ultimo, ha trionfato come Miglior Cosplay in assoluto all’edizione 2014 di EtnaComics, la manifestazione etnea oramai solidamente affermata sulle scene nazionali.

Abbiamo avuto l’opportunità di farle qualche domande e Daniela è stata felicissima di svelarci un po’ cosa si nasconde dietro i suoi meravigliosi costumi. In Fondo trovate una Gallery con tutti i suoi costumi più importanti, alcuni fotografati proprio dai nostri fotografi.

  • Raccontaci chi sei, ti conosciamo come KrylĂš, splendida cosplayer, ma nella vita fuori dal palco chi è e cosa fa Daniela Lo Presti?

ÂŤIn realtĂ  fuori dal palco, sono una persona qualunque, lavoro da 5 anni come addetta alle vendite in un negozio di abbigliamento, non amo truccarmi, mettere i tacchi, cerco di essere il piĂš invisibile possibile! Ed ogni volta che torno a lavoro dopo una fiera continuo a sentirmi come cenerentola di ritorno dal balloÂť.

  • Spiegaci un po’ come ti sei avvicinata al mondo cosplay e quando hai capito potesse appassionarti?

ÂŤMillenni fa il mio sogno era diventare una costumista: ho lavorato per 5 anni dividendomi tra laboratorio di scenografia e sartoria, tra Palermo e Catania, lavoravo per l’opera lirica come assistente di laboratorio e facevo un po’ di tutto.
Ho poi abbandonato le scene, mi sono riscritta all’universitĂ , preso la seconda laurea e sono tornata al paesello a fare la commessa.
Una sera di noia melanconica ho visto su un forum di fansubber delle foto di cosplayer a Lucca ed è stato subito amore, ho pensato che fosse un modo pulito e libero per fare quello che amavo: dare vita a un’idea, dare carne e ossa a un personaggio esistente solo sulla carta, e cosĂŹ è stato dalla mia prima fieraÂť.

  • Qual è stata l’esperienza che in questi anni ti è piaciuta particolarmente e che porti nel cuore?

In realtà non ho un esperienza in particolare; tutte le fiere e tutti gli eventi a cui ho partecipato mi hanno lasciato dei bellissimi ricordi. Ad ogni esperienza sono legati persone e avventure che non potrò mai dimenticare.

  • Quali sono le capacitĂ  manuali essenziali per poter diventare un cosplayer apprezzato?

ÂŤNon credo ci siano specifiche capacitĂ  manuali, l’esperienza e la costanza possono far acquisire a chiunque capacitĂ  che non avrebbe mai immaginato di possedere; l’unica cosa davvero importante sia l’avere pazienza e perseveranza: pian piano, cosplay dopo cosplay, si possono ottenere risultati inaspettatiÂť.

  • Grazie al Cosplay, KrylĂš ha conosciuto molte persone, tra di loro qualcuna è entrata nella vita di Daniela anche oltre le fiere del fumetto e gli eventi a tema?

ÂŤCertamente, ci sono persone che sono diventate parte della mia vita, non amici ma “i miei amici” e, anche se siamo lontani e ci vediamo poco, loro sono la mia forza e il mio coraggioÂť.

  • Ad un ragazzo/a che volesse avvicinarsi a questo mondo, che consiglio daresti?

ÂŤDivertiti e ama ogni singolo pezzo del tuo cosplay, mettici tutta la passione che hai per realizzarlo e per il resto futtatinni!Âť.

 

Articoli simili


Laureando in Giurisprudenza, appassionato di Fantasy, Manga, Cucina e Serie televisive.
Tenore per hobby e Animatore per vocazione. Studenti&Fornelli

Advertisement

Leggi articolo precedente:
Siamo geneticamente simili ai nostri amici: lo conferma una ricerca dell’UniversitĂ  di San Diego e Yale

“Nun si pigghianu se nun s'assumigghianu”: quante volte vi sarà capitato di sentire questo proverbio? Avete mai pensato che tutto...

Chiudi