Catania

Catania, ritrovati 3 quadri rubati 10 anni fa: erano nel garage di un uomo

ricettazione-opere-arte
Ritrovati 3 dipinti rubati 10 anni fa da un museo catanese: denunciato l'uomo che li teneva nel suo garage.

Un uomo di 69 anni con precedenti di polizia è stato denunciato per il reato di ricettazione di opere d’arte; l’indagine è stata portata a termine dai carabinieri della stazione di Aci Castello, con i militari del comando tutela patrimonio culturale di Siracusa.

Durante gli scorsi giorni è infatti stato intensificato il controllo presso i “mercatini delle pulci“, dove vengono smerciati anche oggetti d’arte trafugati. In questo ambito, i carabinieri di Aci Castello hanno perquisito l’abitazione di un uomo stato precedentemente segnalato dai carabinieri del Tpc in quanto sospetto.

Le opere d’arte ritrovate

Nel garage pertinente l’appartamento sono stati trovati 3 dipinti ad olio su tela con cornici di antica fattura, del valore complessivo di circa 100mila euro. A seguito di altri controlli, si è scoperto che le opere d’arte erano state rubate il 3 aprile del 2013 dal museo civico “Sebastiano Guzzone” di Militello in Val di Catania e sono le seguenti:

  • “Due bambini in stile lezioso”, risalente alla fine del ‘700, attribuibile al pittore Francesce Boucher;
  • “Console Cornelio inginocchiato davanti ad un angelo in atto di sottomissione del potere civile al potere religioso”, dipinto dall’artista Sciuti;
  • “Donna Gaetanina Baldanza con vestito bianco e girocollo”, di Sebastiano Guzzone.

Alle strette, il proprietario del garage ha dichiarato di aver acquistato i quadri presso una bancarella del mercato catanese, ma non è stato in grado di dimostrarne l’effettivo acquisto e per questo è stato denunciato a piede libero per ricettazione.

Aggressione ai beni culturali

Nel 2023 sono state molte le azioni di contrasto in danno del patrimonio culturale e altrettanti i fenomeni criminali in tale ambito nella provincia di Catania.

In totale sono state denunciate 7 persone su 10 perquisizioni effettuate e sono stati sequestrati circa 3.500 beni culturali, nello specifico beni archeologici come vasi, anfore e monili di epoca greco-romana, dipinti antichi e sculture.


Sicilia, 2 sacerdoti indagati per abusi sessuali: Procura apre inchiesta