Lavoro, stage ed opportunità

Ministero Giustizia, 1200 assunzioni in arrivo: i dettagli

Ministero Giustizia
Ministero Giustizia: ben 1200 nuove assunzioni sarebbero in arrivo entro la fine dell'anno. Ma queste a chi sono rivolte? Di seguito i dettagli in merito.

Ministero Giustizia: giungono ottime notizie per coloro che già lavorano, a tempo determinato, per il Ministero. Sarebbero in arrivo, infatti, grazie al decreto PNRR2, numerose nuove assunzioni: circa 1200 per altrettanti operatori giudiziari in stato di precariato, così da stabilizzarne i contratti a tempo indeterminato.

Secondo quanto spiegato dallo stesso Ministero, con queste assunzioni si eviterà di ricorrere ai contratti a termine per reperire il personale.

Ma quali sarebbero i requisiti previsti per essere assunti a tempo indeterminato dal Ministero della Giustizia? E quando dovrebbero avvenire, secondo le indiscrezioni, le immissioni in ruolo?


Concorso Vigili del Fuoco, al via nuove assunzioni: tutte le info


Ministero Giustizia: i requisiti per l’assunzione

Tramite le circa 1200 assunzioni da parte del Ministero della Giustizia, si dovrebbero stabilizzare i precari che appartengono al personale non dirigenziale, più specificatamente, coloro che sono impiegati in amministrazione giudiziaria, Area Funzionale II, posizione economica F1. Ma quali sono i requisiti richiesti al personale per l’inserimento a tempo indeterminato?

  • che si sia stati assunti dall’amministrazione giudiziaria, come operatori giudiziari, dopo il 30 maggio 2022, mediante contratto a tempo determinato;
  • che l’assunzione a tempo determinato sia avvenuta tramite procedure selettive pubbliche, espletate dall’amministrazione giudiziaria;
  • che, infine, si siano maturati almeno tre anni di servizio come dipendenti dell’amministrazione giudiziaria, senza demerito. Gli anni di servizio possono anche essere non continuativi, purché siano stati maturati entro gli ultimi dieci anni. Per coloro i quali abbiano lavorato per almeno un anno nell’ambito dell’amministrazione giudiziaria, vengono considerati validi, ai fini del raggiungimento del requisito, i periodi di perfezionamento, perfezionamento presso l’ufficio per il processo, di proseguimento per il 2017 o per il 2018 dei tirocini presso l’ufficio per il processo per coloro che hanno completato rispettivamente nel 2016 o nel 2017 il tirocinio formativo presso tale ufficio, infine di attestate attività di tirocinio e collaborazione svoltasi presso gli uffici giudiziari.

Una volta individuate le nuove risorse da assumere a tempo indeterminato, esse verranno assegnate, non prima del prossimo 1 gennaio 2023, nelle sedi dove veniva prestato servizio fino allo scorso 30 maggio. Qualora vi fosse del sovrannumero, coloro che non verranno stabilizzati nell’ambito di queste assunzioni verranno riassorbiti nelle vacanze successive, in base alle piante organiche di ciascun ufficio.