Attualità

Quarantena ridotta per i non vaccinati: la circolare del Ministero

quarantena ridotta
Cambiano i nuovi parametri di quarantena e auto-sorveglianza per i soggetti a contatto stretto con un positivo. Ecco la misura emanata dal Ministero della Salute.

Una circolare interna del Ministero della Salute modifica i parametri di quarantena per persone non vaccinate o che abbiamo solo il primo ciclo vaccinale da più di 120 giorni. Esattamente, la quarantena passa da 10 a 5 giorni per i soggetti entrati in stretto contatto con una persona positiva.

Il provvedimento si applica solo a chi non manifesta sintomi e finisce con l’esito negativo di un tampone rapido o molecolare. Per tutti il periodo di auto-sorveglianza e, necessariamente, per i cinque giorni successivi, è obbligatorio indossare la mascherina Ffp2.

Una nota della circolare rende chiaro a chi verrà applicata la quarantena di cinque giorni. Si tratta di “soggetti asintomatici non vaccinati o che non abbiano completato il ciclo vaccinale primario (i.e. abbiano ricevuto una sola dose di vaccino delle due previste) o che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni” e “ai soggetti asintomatici che abbiano completato il ciclo vaccinale primario o che siano guariti da precedente infezione da SARS-CoV-2 da più di 120 giorni senza aver ricevuto la dose di richiamo“.

Coloro che possiedono la totale copertura vaccinale, ha fatto la dose booster o è guarito negli ultimi 120 giorni, è predisposta solo l’auto-sorveglianza di cinque giorni con l’obbligo di indossare la mascherina Fffp2 per dieci giorni in tutto.  “È prevista – si legge nella circolare – l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare per la rilevazione di Sars-Cov-2 alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto con soggetti confermati positivi al Covid 19“.

 Scuola, dalla quarantena ai tamponi “fai da te”: le ultime novità