News

Green Pass per trasporti, scuola e università: cosa cambia dal 1° settembre

ragazza in viaggio con la mascherina
Il green pass è obbligatorio in tantissimi luoghi: dal primo settembre ci sarà un ampliamento anche per i trasporti, le scuole e l'università. I dettagli.

Dal 6 agosto scorso, il green pass è già obbligatorio in palestre, piscine, stadi, ristoranti e cinema. Dal primo settembre, tuttavia, il suo utilizzo sarà esteso per i trasporti (per percorsi lunghi), per la scuola e per l’università. Vediamo tutti i dettagli e cosa cambierà rispetto a ora.

Green Pass per trasporti

La certificazione verde dovrebbe essere obbligatoria a partire dalla prossima settimana su aerei, navi, traghetti e treni. L’obbligo potrebbe espandersi anche per gli autobus che collegano regioni diverse.

Ad effettuare tutti i controlli del caso saranno i gestori dei servizi. Chi non è in possesso del green pass dovrà pagare una sanzione da 400 a mille euro.

Non dovrebbe esserci l’obbligo per i collegamenti verso le isole minori e con lo stretto di Messina. Così come non dovrebbe essere obbligatorio per bus e metropolitana del trasporto pubblico e per bus e treni regionali.

Ci sarà sicuramente un aumento dei posti dal 50 % all’ 80% sia per lunghi tratti, ma anche per il trasporto pubblico in zona bianca e in zona gialla. Rimane ancora acceso il dibattito sull’obbligo del green pass sui trasporti pubblici locali.

Novità su scuola e università

Il green pass sarà obbligatorio per gli studenti universitari, per accedere agli atenei, per quanto concerne inseganti e personale scolastico il green pass è obbligatorio, in assenza della certificazione verde scatteranno delle sanzioni tra cui il mancato pagamento dello stipendio e la sospensione dal lavoro.


Università, come funziona dal 1° settembre: green pass, mense e residenze

News scuola: ipotesi piattaforma online per controllare il Green Pass

Speciale Test Ammissione