Scuola

Concorso STEM, come sarà la prova scritta? Le indicazioni del Ministero

concorso Stem
Concorso STEM per la selezione di oltre 6 mila docenti. Pubblicata la nota del Ministero con le informazioni principali per lo svolgimento della prova.

Concorso STEM: rese note le indicazioni per lo svolgimento della prova scritta computerizzata. Il Ministero dell’Istruzione, con la nota n.18557 del 15 giugno, a firma del direttore generale Filippo Serra, ha pubblicato ulteriori indicazioni in merito alla prova scritta per le classi di concorso A020, A026, A027, A028 e A041, che si terranno a partire dal 2 luglio.

La Nota del Ministero

Le operazioni per l’identificazione dei candidati si svolgeranno seguendo i protocolli di sicurezza. Tuttavia, le operazioni di identificazione dei candidati avranno inizio alle ore 8 per il turno mattutino e alle ore 13.30 per il turno pomeridiano. Il turno mattutino è previsto dalle 9 alle 10.40 e il turno pomeridiano dalle 14:30 alle 16.10.

All’ingresso, i candidati verranno sottoposti ad una fase preliminare per l’accertamento del loro nominativo in elenco e successivamente gli verrà indicata l’aula nella quale svolgeranno la prova.

La commissione di valutazione o il comitato di vigilanza dovrà effettuare le operazioni di riconoscimento dei candidati verificando che gli stessi siano muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità, del codice fiscale, di copia della ricevuta del versamento dei diritti di segreteria da esibire e consegnare al momento delle operazioni di riconoscimento. Tali operazioni dovranno essere registrate il giorno della prova.

Nel rispetto del protocollo di sicurezza, dovrà essere fornita l’autodichiarazione ai sensi degli art. 46 e 47 del D.P.R n. 445/2000.

Regole da rispettare

I candidati dovranno consegnare ai docenti incaricati della vigilanza, a pena di esclusione, ogni telefono cellulare, smartphone, tablet, notebook, anche se disattivati, e qualsiasi altro strumento idoneo alla conservazione e/o trasmissione di dati. È consentito l’uso della calcolatrice scientifica secondo quanto previsto dal D.M. 20 aprile 2020 n. 201.

Inoltre, potranno essere ammessi a sostenere la prova del concorso STEM, se non presenti negli elenchi resi disponibili il giorno della prova scritta (dove risultano iscritti gli aspiranti che hanno inoltrato regolare domanda di partecipazione), solamente i candidati eventualmente muniti di ordinanze o di decreti cautelari dei giudici amministrativi loro favorevoli.

Si ricorda, inoltre, che i bandi di concorso hanno previsto il versamento di un diritto di segreteria.

In mancanza della ricevuta di versamento, o in caso di mancata indicazione della causale di pagamento nella ricevuta, il candidato dovrà regolarizzare la propria posizione nei giorni immediatamente successivi alla prova scritta presso l’Ufficio Scolastico Regionale.

Prova scritta: le fasi

I candidati ammessi alla prova scritta del concorso STEM affronteranno la prova nel giorno, nell’istituzione scolastica e nell’aula indicati negli elenchi pubblicati. I coinvolti, inoltre, potranno entrare in aula uno alla volta.

Il candidato verrà fatto accomodare e una volta che tutti i candidati saranno in postazione, il responsabile tecnico d’aula, o il comitato di vigilanza, comunicherà la parola chiave di inizio/sblocco della prova. 

Al termine della prova il candidato sarà tenuto a rimanere presso la propria postazione ed attende lo sblocco da parte del referente d’aula, per visualizzare il punteggio ottenuto a seguito della correzione automatica ed anonima del proprio elaborato eseguita dall’applicazione. Tuttavia, una volta visualizzato il punteggio il candidato sarà tenuto ad inserire il proprio codice fiscale nell’apposito modulo presentato dall’applicazione.

Una volta che tutti i risultati di tutti i candidati saranno stati raccolti, caricati e verificati, verrà prodotto l’elenco dei candidati contenente codice fiscale, cognome, nome, data di nascita ed il punteggio da loro ottenuto. Tale elenco sarà stampato ed affisso fuori dall’aula. 

Quesiti e punteggio

La prova scritta, differente per ciascuna classe di concorso, consisterà in più quesiti a risposta multipla, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulle discipline della classe di concorso.

La prova, computer-based, si svolgerà nella regione per la quale il candidato ha presentato domanda di partecipazione, nelle sedi individuate dagli uffici scolastici regionali e consisterà nella somministrazione di 50 quesiti, 40 dei quali vertenti sui programmi previsti dall’allegato A al decreto del Ministro dell’istruzione 20 aprile 2020, n. 201 per la singola classe di concorso, 5 sulle competenze digitali e 5 sulle competenze della lingua inglese.

Ciascun quesito consisterà in una domanda seguita da quattro risposte, dove solamente una sarà esatta. Inoltre, l’ordine dei 50 quesiti sarà somministrato in modalità casuale per ciascun candidato. La prova avrà una durata massima di 100 minuti.

La valutazione della prova sarà effettuata assegnando 2 punti a ciascuna risposta esatta, zero punti alle risposte non date o errate. La prova sarà valutata al massimo 100 punti e sarà superata da coloro che conseguiranno il punteggio minimo di 70.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare la nota concorso STEM.

 Concorso ordinario STEM: posti e calendario delle prove