Catania

Piazza Bellini diventa zona pedonale: superata la ZTL [FOTO]

Piazza Vincenzo Bellini e via Teatro Massimo diventano del tutto zone pedonali, e non solo ZTL. L'annuncio del sindaco e le foto dei nuovi dissuasori.

Il Comune di Catania ha iniziato da qualche tempo un ampio programma di pedonalizzazione di alcune aree nevralgiche del centro storico. L’operazione, cominciata con piazza Duomo e piazza Dante e proseguita con via Crociferi, oggi continua con la totale pedonalizzazione dell’area del Teatro Massimo.

Si tratta di uno dei luoghi simbolo del centro storico di Catania: la piazza Vincenzo Bellini con l’annessa via Teatro Massimo. A partire da oggi, la zona è finalmente diventata un’effettiva area pedonale, inibita al traffico veicolare con dissuasori e atti amministrativi dell’Amministrazione Comunale che le attribuiscono la “dignità” di area realmente pedonale e non più Zona a Traffico Limitato, con le persistenti violazioni di automobilisti che da un decennio contraddistingue la zona.

L’iniziativa, promossa dal sindaco Salvo Pogliese d’intesa con l’assessore alla mobilità Pippo Arcidiacono rientra nell’ambito della riqualificazione coordinato piano di provvedimenti che viene gradualmente attuato al fine di integrare le aree a fruizione pedonale nella zona urbana di vie e piazze cittadine per aumentare la vivibilità in città, secondo coordinato piano di provvedimenti deliberato un anno addietro dalla giunta comunale e che viene gradualmente attuato in parti diverse della città.

Piazza Bellini e via Teatro Massimo pedonali: le dichiarazioni di Pogliese

“Dopo piazza Duomo, piazza Dante e via Crociferi, che hanno riguadagnato spazi di meravigliosa bellezza e godibilità – ha spiegato il sindaco Salvo Pogliese – ora anche tutta la vasta area del Teatro Massimo diventa uno spazio libero per essere vissuto in massima sicurezza, dai residenti e dai cittadini e quando torneranno anche dai turisti in visita a Catania. Ci stiamo muovendo secondo una logica di dare finalmente concretezza a provvedimenti che erano tali solo sulla carta, sia per l’indisciplina degli automobilisti e sia per l’oggettiva difficoltà a fare controlli tutto il giorno, con scelte chiare e nette. Ci appelliamo ancora una volta al buon senso di automobilisti e cittadini, per preservare questi gioielli del nostro centro storico.

Ringrazio per questa costante attività di monitoraggio e innovazione l’assessorato alla mobilità retto da Pippo Arcidiacono e il capo di gabinetto Giuseppe Ferraro, che cura ogni dettaglio anche della collocazione di elementi di arredo urbano tipo dissuasori stradali fissi e mobili a protezione dell’area pedonale, in sintonia alle esigenze che vengono rappresentate anche dall’associazionismo, a cui riconosciamo una funzione importante di stimolo a compiere scelte condivise e a cui siamo sempre aperti al confronto”.

Bisognerà sperare, ora, che la pedonalizzazione sia effettiva. Numerose volte in passato l’area è stata soggetta a invasioni di auto, che hanno attraversato la piazza non essendone autorizzate, o addirittura a “parcheggio abusivo”.

Università di Catania