Ramacca e Palagonia

Ramacca, comitato “SCUOLAINSIEME” chiede chiusura delle scuole

didattica a distanza
Il comitato "SCUOLAINSIEME" di Ramacca, alla luce della difficile situazione epidemiologica che il loro comune si trova a fronteggiare, chiede che vengano discusse alcune proposte in merito alla didattica, tra cui la chiusura di tutte le scuole almeno sino alla fine di gennaio.

Il comitato spontaneo dei cittadini “SCUOLAINSIEME”, formato dai genitori con figli dai 3 anni in su, scrive al commissario D. Targia al fine di concordare un colloquio online per disporre nuovi provvedimenti in merito alla riapertura o alla chiusura delle scuole di ogni ordine e grado nel comune di Ramacca.

“Il nostro paese è paragonabile al comune di Codogno nel mese di marzo/aprile 2020 – scrive il comitato – in quanto la Sicilia è la regione più colpita d’Italia e Ramacca il paese con più contagi e con un alto numero di persone ospedalizzate”. I genitori di “SCUOLAINSIEME” mostrano, alla luce della delicata situazione che sta interessando il loro paese, timore “nel momento in cui i nostri figli varcano la soglia di casa”.

La scelta “unilaterale e personale” che i ramacchesi denunciano, compiuta da parte del commissario Targia, sembra non aver prodotto significativi risultati. Il comitato, mostra di non condividere le disposizioni in merito alla didattica concordate dal commissario insieme con i rappresentanti delle scuole e, proprio per questo motivo, chiede che vengano discusse le seguenti proproste:

  • Chiusura delle scuole di ogni ordine e grado almeno fino al 31 gennaio 2021;
  • Screening agli studenti di ogni ordine e grado, appena prima della fine di gennaio;
  • Sanificazione di tutte le strutture scolastiche;
  • Screening di tutta la popolazione cittadina, al fine di possedere, prima della riapertura delle scuole, un quadro aggiornato in merito alla situazione epidemiologica del comune di Ramacca.

Auspicando in una positiva risposta da parte del destinatario della nota, “SCUOLAINSIEME” conclude ricordando che la delicata situazione di Ramacca sembra necessitare anche di concreti ristori a carattere economico, ulteriore impellente problematica che non può non essere affrontata.

Rimani aggiornato