Attualità

Nuovo DPCM , viaggi, voli e spostamenti come comportarsi?

viaggi voli spostamenti

Pubblicato il DPCM con tutte le nuove disposizioni della “fase 2”. Tra gli articoli nuove disposizioni su chi intende arrivare in Italia

Isolamento di 14 giorni per chi entra in Italia

Un articolo della bozza di Dpcm è dedicato a chi intende arrivare in Italia: dovrà consegnare al vettore dell’imbarco una dichiarazione contenente i motivi del viaggio e l’indirizzo della dimora dove dovranno osservare, anche se asintomatici, un periodo di 14 giorni di isolamento fiduciario, comunicando immediatamente la loro presenza al Dipartimento di prevenzione della Asl. Vale anche per chi sbarca da navi da crociera.

Un collegamento marittimo giornaliero in più con la Sicilia

Un collegamento in più per la Sicilia. La Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli ha firmato, di concerto con il Ministero della Salute, il Decreto che aggiunge un collegamento giornaliero tra Messina/Villa San Giovanni/Reggio Calabria, modificando il precedente provvedimento del 16 marzo 2020 di forte limitazione alla mobilità delle persone con l’isola per il contrasto della diffusione dell’epidemia da Covid19.

Le linee guida del MIT (Ministero dei Trasporti)

I Comuni nella cabina di regia del 26 aprile hanno sollecitato regole certe. E si va verso linee guida del ministero dei Trasporti, da allegare al decreto, che secondo le indiscrezioni prevedono un aumento dei mezzi nelle fasce orarie più critiche, un numero massimo di passeggeri per consentire la distanza di un metro, la presenza di marker sui posti a sedere per segnalare quelli che non possono essere usati e l’obbligo di mascherine, anche di stoffa.

Quando si tornerà a volare regolarmente?

Il Ministero dei Trasporti ha prorogato fino al 3 maggio prossimo i provvedimenti messi in atto per far fronte all’emergenza sanitaria da Covid19 e per contrastare la diffusione della malattia. Si legge nella comunicazione del MIT del 12 aprile: nel settore del trasporto aereo, sono assicurati esclusivamente i servizi minimi essenziali e l’operatività dei servizi è limitata agli aeroporti di Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Genova, Lamezia Terme, Lampedusa, Milano Malpensa, Napoli Capodichino, Palermo, Pantelleria, Pescara, Pisa, Roma Fiumicino, Torino, Venezia Tessera e Roma Ciampino per i soli voli di stato, trasporti organi, canadair e servizi emergenziali.

Nel DPCM pubblicato il 26 aprile,  si parla di “spostamenti tra Regioni solo per casi urgenti” e gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, ovvero, per motivi di salute e si considerano necessari gli spostamenti per incontrare congiunti purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento e vengano utilizzate le mascherine; in ogni caso, è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute; è in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza».

Quindi ancora la situazione non è chiara, si ha la sensazione che il processo di normalizzazione del trasporto aereo in Italia possa prendere il via nel mese di giugno, ma si tratta di semplici previsioni, ad oggi il MIT non si è pronunciato sulla questione.

 

 

Rimani aggiornato

Università di Catania