Università

UNICT – Tirocini retribuiti alla Regione: come fare domanda

Le indicazioni su come compilare ed inoltrare la propria domanda di partecipazione alla procedura di selezione per i tirocini della pubblica amministrazione regionale rivolti ai neolaureati siciliani.

I giovani laureati provenienti dagli atenei siciliani – Catania, Palermo, Messina ed Enna – che siano interessati ad un futuro lavoro nell’ambito della pubblica amministrazione, potranno fare domanda per l’accesso ad un percorso formativo e professionale all’interno degli uffici amministrativi della Regione Sicilia, per il quale è prevista anche una retribuzione. Per l’Università di Catania, secondo apposito bando, i posti disponibili sono 33 su 110 disponibili: nel dettaglio, ecco le indicazioni utili per  inoltrare la propria candidatura. 

Innanzitutto, gli aspiranti candidati potranno elaborare la propria domanda di partecipazione alla selezione solamente per via telematica, collegandosi all’unico portale dedicato http://concorsi.unict.it : sarà indispensabile il possesso di un indirizzo di posta elettronica al fine di registrarsi al sistema. Dopo la registrazione preliminare, i candidati potranno visionare l’elenco dei tirocini disponibili, selezionando con apposito pulsante solamente uno di quelli previsti, attinente all’area disciplinare di proprio interesse e al proprio profilo professionale. Dopo questo step, le successive operazioni per completare la domanda di partecipazione saranno accessibili all’interno del profilo utente  creato in fase di registrazione.


 UNICT –  Bando per 33 tirocini retribuiti alla Regione: i requisiti richiesti

Per poter partecipare ai tirocini regionali previsti è opportuno compilare la domanda di partecipazione, avendo cura di non tralasciare tutti i dati richiesti, che possono essere aggiunti a più riprese: allo stesso modo sarà necessario anche allegare entro la scadenza del bando tutti i documenti richiesti per partecipare. Quando la domanda sarà completa in ogni sua parte, insieme alla relativa documentazione, il candidato potrà inoltrarla in via del tutto definitiva: non è prevista firma olografa. Una volta inviata la domanda, il candidato sarà identificato con apposito numero, tramite quale sarà rintracciato per comunicazioni successive.

Per la documentazione da allegare sarà indispensabile la fotocopia del documento di riconoscimento (in corso di validità), del proprio Codice Fiscale (o in alternativa, Tessera Sanitaria). Inoltre, è richiesta una Dichiarazione che attesti la conoscenza della lingua italiana, parlata e scritta: per i cittadini stranieri essa va firmata e sottoscritta secondo l’apposito modello “Dich.1”. Dovrà essere allegata nella documentazione anche una Dichiarazione Sostitutiva di atto di notorietà, di conformità di copia all’originale, per il quale è prevista la firma olografa e la sottoscrizione del modello “Dich.2”. Ai cittadini non comunitari, infine, è richiesta fotocopia del proprio permesso di soggiorno. Le dichiarazioni sostitutive previste dovranno essere compilate, firmate e scansione interamente, per poi essere  inviate in allegato alla procedura di partecipazione.

La domanda di partecipazione sarà presa in considerazione solo se inoltrata entro le ore 12.00 del 24 luglio 2019: i candidati potranno concorrere solamente per uno degli ambiti disciplinari previsti. Inoltre, qualora il candidato dovesse presentare più di una domanda di partecipazione in settori disciplinari diversi per il medesimo concorso sarà escluso da qualsiasi procedura di partecipazione, con invalidazione delle domande presentate.

Per ulteriori informazioni si invita a consultare l’art. 7 del presente bando.