Attualità

Reddito di cittadinanza: novità in arrivo per chi ha perso lavoro

Sarebbe già pronta la bozza di provvedimento, con cui si estende il reddito di cittadinanza anche ai neo disoccupati, cioè chi ha perso l’impiego da breve tempo.

Il reddito di cittadinanza non smette di far parlare di sé e già si profilano delle novità. Secondo il Presidente Inps, Pasquale Tridico, sarebbe già pronta la bozza di provvedimento per estendere il reddito anche a chi ha perso il lavoro da poco. I neo-disoccupati da breve tempo potrebbero, quindi, richiedere il sussidio. A oggi, infatti, per usufruire del sussidio si fa riferimento all’Isee dell’anno precedente.

Già pronta la bozza di modifica

Ad annunciarlo in un’intervista a “La Stampa”, Tridico avrebbe confermato che la bozza di modifica del reddito di cittadinanza sarebbe già sulla sua scrivania e potrebbe essere discussa in Parlamento entro la fine del mese. “Si potrà fotografare il reddito corrente, e ciò permetterà– spiega Tridico- ai disoccupati in particolari situazioni, percettori di sussidio di disoccupazione o disoccupati da oltre diciotto mesi, di accedere al reddito”.

Il Presidente dell’Inps si è poi espresso in merito alla preoccupazione che questa manovra crei confusione tra reddito di cittadinanza e sussidio di disoccupazione. “La condizionalità delle politiche di sostegno al reddito– ha sottolineato ancora Tridico- esiste in tutti i paesi europei, e nel nostro caso sono ben distinte fra coloro che hanno bisogno di un reddito e chi invece è alla ricerca di un lavoro. Mi stupisce il cinismo che a volte accompagna il dibattito italiano. Il reddito è perfettibile, ma mi chiedo con quale coraggio ne vengano negati l’utilità sociale e l’impatto economico”.

Le polemiche sul nuovo provvedimento

Arrivano da Forza Italia le prime perplessità sull’effettiva utilità di questo nuovo provvedimento.
“Ormai siamo tutti d’accordo, giusto? Il reddito di cittadinanza- ha dichiarato Saverio Romano, candidato Forza Italia per le Europee- si è rivelato per quello che avevamo previsto: una barzelletta elettorale che oggi rivela tutta la propria stupidità ma che rischia di rappresentare una vera e propria prigione. Da qui la raffica di richieste di rinuncia, stimate tra le 100 e le 130mila, che sta costringendo l’Inps, i Comuni, l’Ispettorato del lavoro e la Guardia di finanza a correre ai ripari. Fermate il governo Lega-M5S: voglio scendere da quest’incubo”.

A intervenire sulla questione anche Mara Carfagna, che ha sostenuto come siano bene altre le priorità del Paese e non certo il reddito di cittadinanza. “Per questo- ha sottolineato- servono strumenti strutturali come l’assegno per figlio lanciato dal Forum delle associazioni familiari, ma sono necessarie anche misure per tutti quei bambini di famiglie che vivono al di sotto la soglia di povertà”.

Già più di un milione le richieste per il reddito di cittadinanza

È di nuovo Tridico a prendere la parola, intervenendo al Salone del Libro di Torino. Il Presidente ha sottolineato come siano già più di un milione le richieste ricevute dall’Inps, di cui il 75% accettate. “È un flusso enorme che l’Inps sta gestendo con grande efficienza su tutto il territorio– ha aggiunto- sia rispetto a quota 100 sia rispetto al reddito di cittadinanza non c’è assolutamente un problema di sostenibilità economica. Anzi i costi sono assolutamente compatibili con il bilancio dell’Inps e dello Stato“.

Reddito di cittadinanza: campagna porta a porta nelle città

Tra le numerose polemiche, le più aspre riguardano quelle che riguardano la propaganda messa in atto per pubblicizzare il reddito di cittadinanza nelle periferie. Sono stati pensati, infatti, una serie di camper informativi che andranno in giro per le città di Milano, Roma, Bologna, Torino e Napoli.

Mi rifiuto di pensare che nel nostro Paese– ha risposto Tridico a chi lo accusa di fare campagna elettoraledebba prevalere l’egoismo e la solidarietà delegata al volontariato. Perché possono esistere i camper per la raccolta del sangue e non quelli per informare sul reddito?”

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.

Altro... come richiedere reddito di cittadinanza, novità reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza, si parte il 6 marzo: come fare domanda

Il 6 marzo è l'ora X delle domande per ottenere il reddito di cittadinanza. Ecco tutte le informazioni utili su...

Reddito di cittadinanza 2019: requisiti e misure del decreto

Il nuovo decreto approvato dal Consiglio dei ministri darà finalmente alla luce l'ormai discusso "reddito di cittadinanza", ovvero l'obiettivo principale...

Chiudi