Attualità

In Sicilia metà dei giovani non studia e non lavora

Un rapporto Eurostat, sullo stato di occupazione dei giovani fra i 25 e i 34 anni, dimostra che in Sicilia un ragazzo su due "non fa niente" dato che non studia, non lavora e non segue nemmeno un corso di formazione.

Il rapporto Eurostat, riferito all’anno 2017, assegna alla Sicilia la maglia nera per quello che riguarda la situazione tra i giovani compresi fra i 25 e i 34 anni. La nostra regione, infatti è la patria dei neet, acronimo che definsce coloro che non hanno un lavoro, non studiano e non seguono nemmeno un percorso di formazione professionale o un tirocinio.

In base ai dati raccolti, in Sicilia si registra una percentuale del 50% di giovani che sono rassegnati e non hanno niente da fare, una percentuale molto alta anche se in leggera diminuzione rispetto al 2016, quando la percentuale era al 50,5%. Siamo la peggiore regione d’Europa, peggio anche della Guyana francese, che ha una percentuale del 49,2%.

Non sorride di certo, nemmeno l’Italia in generale, in quanto la media nazionale è del 30,2% molto al di sopra della media degli altri Paesi europei che si ferma al 17,9%. La percentuale più bassa di giovani neet, in Italia, si rileva nella provincia autonoma di Bolzano che è in linea con i dati europei, infatti la percentuale rilevata è del 13,8%.

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.

Altro... disoccupazione giovanile, eurostat, giovani, italia, lavoro, neet
Università, oltre il 60% dei diplomati prosegue gli studi: i dati di AlmaDiploma

È uscito il rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore di II grado.

Scuola, chi ha svolto uno stage ha più possibilità di trovare lavoro

Secondo una ricerca condotta su 85mila diplomati, per gli studenti che hanno svolto l'alternanza scuola lavoro è più semplice trovare...

Chiudi