Catania

“Suoni dalla Città”: la mappa di Catania che va ascoltata

Si chiama "Suoni di Catania" e sfrutta rumori della città, interviste e suoni per creare una mappa multimediale che tutti potranno utilizzare. Anche gli ipovedenti.

Nasce da una richiesta dell’INU (Istituto Nazionale di Urbanistica) e rientra nell’ambito delle iniziative del progetto “inSUPERabile Catania” che, nella città etnea, sta tentando di abbattere le barriere architettoniche, il progetto “Suoni dalla città di Catania”.

L’iniziativa è stata ideata e realizzata da Manuele Gaetano G. D., dottore di ricerca in architettura (PhD). Funzionerà come Google Maps, una mappa interattiva con punti cliccabili che contengono video, audio e foto dei luoghi di Catania, con tutte le informazioni riguardanti i siti più significativi. E proprio per questi luoghi responsabili ed esperti si sono messi a disposizione per la narrazione e spiegare, con quanto più riguardo per gli ipovedenti (per esempio, evitando di affidarsi alla comunicazione non verbale), le caratteristiche degli edifici, strade e monumenti interessati.

Attraverso la mappa si potranno scoprire aspetti della città di Catania altrimenti sconosciuti, come i suoni tipici dei luoghi di aggregazione storici come la fiera o la pescheria, dei trasporti pubblici e del traffico, note di quotidianità che contribuiscono a completare il quadro di una città piena di colore e personalità.

E a proposito di personalità, non mancano i contributi di personaggi famosi a livello nazionale. Tra quelli citati: Ficarra e Picone, Roberto Faenza regista de I Vicerè, Paolo Buonvino compositore, Fiorenzo Napoli della marionettistica F.lli Napoli.

I suoni sono stati registrati dal creatore del progetto e non tutte le zone sono state coperte, questo significa che ancora oggi il progetto è da considerarsi “aperto”. La speranza è di riuscire a coprire quante più zone possibile e in futuro magari avere delle traduzioni in inglese, spagnolo, tedesco e francese.

La mappa è consultabile sul sito del progetto “Suoni di Catania” e lo è anche una playlist con tutti i suoni e le interviste che sono state raccolte fino a oggi.