Università di Catania

UNICT – Presentazione del libro “Visioni – In viaggio con la Scuola Superiore di Catania”

Celebrazioni per i primi vent'anni della Scuola Superiore di Catania: per l'occasione il giornalista Giorgio Romeo presenterò un volume che si occupa di ripercorrere la storia della Scuola.

Mercoledì 4 luglio, alle ore 17, presso l’aula magna della Scuola Superiore di Catania (Villa San Saverio, via Valdisavoia 9), il giornalista Giorgio Romeo presenterà il volume dal titolo “Visioni – in viaggio con la Scuola Superiore di Catania“, da lui curato nell’ambito delle celebrazioni per il ventennale della Scuola d’eccellenza dell’Ateneo catanese.

“Si tratta – spiega l’autore – di un lavoro di genere giornalistico, in cui protagonisti, presenti e passati, raccontano le visioni che animano e hanno animato la Scuola: da quella iniziale di un’iniziativa “di sistema”, alla sua evoluzione verso il futuro e nuovi orizzonti, ruotando intorno a parole chiave come condivisione, ricerca, osmosi, merito, territorio e altre, che contraddistinguono la “galassia Ssc””.

Protagonista del volume è il viaggio intrapreso nel lontano 1998, prendendo per mano la città e il territorio che la ospitano. Una molteplicità di visioni, che nell’insieme riesce a far comprendere come questo progetto non sia il mero sogno provincialistico di avere nell’isola una nuova “Normale”, ma un’opportunità concreta per ripensare la Sicilia, i giovani, il futuro. “Sebbene una parte del mio lavoro sia stata incentrata sulle ricerche d’archivio – aggiunge Romeo -, a fare la differenza sono stati gli incontri con i docenti, il personale amministrativo, gli allievi e gli ex allievi della Scuola. Ciascuno di loro ha aggiunto, sempre col sorriso sulle labbra, una nuova pennellata all’affresco che questo lavoro si prefigge di offrire”.

All’incontro di presentazione interverranno il presidente della Scuola Francesco Priolo, il rettore Francesco Basile, il direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa Vincenzo Barone e la prof.ssa Lina Scalisi, coordinatrice della classe delle Scienze umanistiche e sociali.