Altro

Come essere felici? La risposta arriva da Einstein

La ricerca della felicità, topic centrale e mantra di ogni essere umano, è forse uno degli argomenti più discussi. Tra film, libri e ricerche illustrissimi personaggi e gente comune si sono da sempre chiesti quale fosse la ricetta per essere veramente felici. Ma qualcuno, questa felicità, l’ha mai trovata?

Forse non la troveremo mai, forse siamo tutti condannati a cercarla per tutta la vita, ma c’è qualcuno che può aiutarci in questa ricerca continua, Albert Einstein. In queste ultime settimane si è tornato a parlare di lui, una delle menti più geniali del XX secolo, non tanto per le sue scoperte scientifiche quanto per dei pizzini che nel 1922 a Tokyo – dopo aver scoperto di aver vinto il Nobel per la fisica – ha lasciato  come mancia in hotel ad un corriere che bussava alla sua porta e in cui venivano scritte le sue personali ricette per la felicità. 

E questi pizzini un po di felicità l’hanno portata al fortunato corriere, dal momento che settimane fa sono stati battuti all’asta per 1,5 milioni di euro il primo e 203 mila euro il secondo. Ma quello che tutti si chiedono è: cosa c’è scritto in questi bigliettini? Ve lo diciamo subito, e senza bisogno di spendere milioni. 

Il primo biglietto recita: “Una vita calma e modesta porta più felicità della ricerca del successo abbinata ad una costante irrequietezza.”

Il secondo: “Quando c’ è una volontà esiste una via.”