Tecnologia e Social

TECNOLOGIA – Gli errori da evitare quando ricarichi il tuo smartphone

Molte volte sarà capitato a chiunque nella vita di veder morire all’improvviso, senza un’apparente motivazione, la batteria del proprio smartphone. Ecco alcuni trucchi per mantenere la batteria dello smartphone. 

 

Da quando le batterie dei telefoni montano la “nuova” tecnologia al litio, le batterie durano già notevolmente di più: frequenti ricariche scorrette non ne modificano sostanzialmente l’esistenza, almeno non nei primi due anni. Infatti è acclarato che dopo due anni di vita la batteria di uno smartphone inizi a cedere. Ciò può dipendere in parte da scorrette ricariche, che spesso eseguiamo senza accorgercene. Prendiamo ad esempio uno studente universitario: egli è poco abitudinario, perché abituato a spostarsi di frequente tra lezioni, laboratori ed esami. Spesso lo studente caricherà il telefono per tutta la notte, in modo da averlo pronto subito l’indomani, oppure lo caricherà in parte, o userà un caricabatteria portatile, tra i numerosissimi modelli in giro. Ecco alcuni consigli che dovete tenere a mente se volete “salvare la vita” alle vostre batterie:

  • Evitare la ricarica di tutta la notte: dormite circa sei-sette ore a notte, giusto? Alla batteria del telefono non servono tutte queste ore, anzi esse sono deleterie per la sua esistenza. Evitate dunque la ricarica continua notturna;
  • Evitare di ricaricare fino al 100%: la ricarica al 100% rilascia un ultimo picco energetico che rovina la batteria al litio, diminuendone i tempi di durata;
  • Evitare lo spegnimento del telefono: bisogna evitare per lo stesso motivo che il telefono si spenga per la batteria troppo scarica. Infatti anche in questo caso il telefono rilascia un debole picco energetico che causa lo spegnimento e rovina la batteria;
  • Evitare di usare frequentemente la funzione Hotspot: di sicuro l’avrete usata spesso, è quella funzione che permette ad un amico di collegarsi in wifi con la vostra rete 3G/4G. Probabilmente pochi sanno che questa funzione prolungata a lungo andare mangia letteralmente la batteria, specialmente se avete il coraggio di farlo quando il telefono è sotto carica;
  • Ricaricare più volte: ma allora come si deve ricaricare un telefono? Bisogna accontentarsi di fare brevi sessioni di ricarica anche frequenti nell’arco di una giornata in modo da evitare i picchi energetici ed avere il telefono a portata di mano.
  • Attenzione con l’uso dei Powerbank: il caricabatteria portatile è davvero un miracolo tecnologico. Ma bisogna evitare di prendere quelli inadeguati e sottomarca, perché non svolgono bene il proprio lavoro e rilasciano i picchi energetici, rovinando le batterie;
  • Evitare di surriscaldare il telefono: non bisogna lasciare lo smartphone in posti ad elevate temperature, anzi è consigliabile toglierlo dall’eventuale cover quando lo si ricarica. Diverse ricerche affermano infatti che il dimezzamento della vita della batteria è direttamente proporzionale alla crescita della temperatura di conservazione e al passare degli anni di utilizzo. Inoltre è assolutamente da evitare qualunque utilizzo dello smartphone durante la sua ricarica: non fareste altro che allungare i tempi di ricarica, quindi che vi costa aspettare un po’?
  • Un ultimo consiglio: se volete evitare di arrivare con l’acqua alla gola relativamente alle ricariche, avvaletevi delle numerosissime impostazioni e app disponibili sul mercato per la conservazione della batteria. 

Insomma, avete appena letto una lista di consigli per preservare la vita della vostra batteria e adesso non avete più scuse: evitate di uccidere la vostra batteria, evitando di incorrere in situazioni spiacevoli, soprattutto dal momento che gli smartphone di ultima generazione hanno la batteria integrata e dunque bisognerebbe mandare il telefono in assistenza per una semplice sostituzione.

Rimani aggiornato

Università di Catania