Cinema e Teatro

CINEMA – In arrivo 28 film Made in Sicily finanziati da Film Commission

È ufficiale: 28 produzioni cinematrografiche, tra documentari e lungometraggi, verranno finanziati dall’organizzazione Sicilia Film Commission. La graduatoria è stata presentata al centro Sperimentale di Cinematografia alla Zisa dall’assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo, e dal  direttore dell’Ufficio Speciale per il Cinema e l’Audiovisivo Alessandro Rais. 

La nuova graduatoria della Sicilia Film Commission promette bene: tra lungometraggi dall’atmosfera dark, horror e fiction, la Sicilia ha fatto da sfondo a molte storie, regalando quel quid in più che ha incantato produttori e registi di un certo calibro. Si aggiudica il primo posto della sezione documentari “La storia vergognosa” di Nella Condorelli, ispirato ai diari del giornalista polesano Adolfo Rossi, che raccontano l’esperienza migratoria italiana tra fine ‘800 e inizi ‘900. Non passano certo inosservati, poi, i documentari “Ceci n’est pas un cannolo“,  interpretato da Tea Falco, e “Viaggio in Sicilia” di Peter Stein, che ripercorre le tappe del viaggio letterario del poeta tedesco Goethe in Sicilia.

Tra i lungometraggi più accreditati, invece, si piazza “Sicilian Ghost Story“, dei palermitani Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, una misteriosa favola siciliana dove il gusto noir abbraccia la tematica amorosa. A seguire il film del regista veneziano Andrea Segre dal titolo “40%“, “Balon” di Pasquale Scimeca e “Divina” del regista palermitano Alberto Castiglione. Nella graduatoria ha particolare rilevanza la fiction “I fantasmi di Portopalo”, andata in onda lo scorso 21 febbraio con un grande successo e ispirata all’inchiesta del giornalista di Repubblica Giovanni Maria Bellu.

Tra le produzioni straniere spiccano la tedesca “La nascita del Gattopardo” di Luigi Falorni sul rapporto fra Giuseppe Tomasi di Lampedusa e la moglie Licy, “Dolphin Man” del regista greco Leftheris Charitos, sull’apneista Jacques Mayol e il suo rapporto con Enzo Maiorca, “Hui He, la soprano dalla via della seta“, dedicato da Andrea Prandstraller e Niccolò Bruna alla celebre star della lirica cinese.

Per saperne di più consulta la graduatoria ufficiale.