Attualità In Copertina Università

Cittadella, attenzione alla processionaria: avvistate colonie di bruchi

È stata di nuovo avvistata alla Cittadella universitaria di Catania la processionaria, l’insetto noto scientificamente come Thaumetopea pitycampa, pericoloso sia per uomini che per animali.

proessionaria

Come è stato segnalato dagli studenti dell’Università di Catania, la processionaria ancora una volta si trovava per le vie della Cittadella, che ospita molti dipartimenti dell’Ateneo catanese.

Ma non è la prima volta che accade. I primi avvistamenti risalgono al marzo del 2014, quando un gruppo di studenti del DMI ne aveva segnalato la presenza agli uffici competenti.

Il contatto con la processionaria comporta molti rischi. Oltre a desfogliare le piante, il peli urticanti dell’insetto sono velenosi e potrebbero provocare una reazione allergica.  Difatti, per la loro struttura, possono attaccarsi facilmente ai tessuti e causare una reazione urticante. I numerosi contatti con l’insetto sono molto rischiosi, perché nei casi più gravi si può incorrere in uno shock anafilattico.

Nel momento in cui la pelle viene raggiunta dai peli della processionaria, appare un dolorosa eruzione cutanea accompagnata da prurito. Il contatto con gli occhi provoca invece la congiuntive e, se il pelo raggiunge il tessuto oculare in profondità, si manifestano gravi infiammazioni. Per inalazione, invece, vengono danneggiate le via respiratorie e, in tal caso, si ha mal di gola, difficoltà nel deglutire, starnuti o difficoltà respiratorie. Per l’ingestione, le mucose della bocca e dell’intestino risultano infiammate e ciò si manifesta con vomito e dolori addominali.