Attualità News Società

Facebook dice addio ai brutti ricordi: ecco i “filtri anti tristezza”

Quando Facebook, in uno dei suoi aggiornamenti, sorprese noi tutti con la nuova funzione “Accadde oggi”, beh, di certo molti (moltissimi, forse) ne furono entusiasti: nessuno avrebbe più perso un ricordo grazie a questa piccola new entry.

Peccato, però, che, come in ogni cosa, ci sia, anche in questo caso, un altro lato della medaglia a volte amaro, a volte tragico, a volte, semplicemente, fin troppo sentimentale da renderci malinconici.

A tutti noi sara capitato di pensare: “Vorrei che non fosse mai accaduto” nel momento in cui arriva la notifica “hai ricordi da rivivere oggi” e ti ritrovi davanti il faccione dell’ex che ti ha sostituita in tre settimane, dell’amico che si è dichiarato, della serata tra coinquiline peggiore che la storia ricordi.

2015-10-15 13.25.01

Ma Facebook ci vuole bene e ora cancellare i brutti ricordi si può. Non è un esperimento scientifico, come quello del Dottor Howard Mierzwiak nel film “Se mi lasci ti cancello”. È una nuova funzione che ci permetterà di non rivivere i brutti momenti della vostra vita sul social network. 

Basta accedere alla pagina onthisday e selezionare le notizie che vogliamo eliminare dalla cronistoria della nostra presenza su Facebook. Così, ad esempio, nessuna notifica della sezione ‘Accadde oggi’ ci ricorderà più la foto con un vecchio partner che ci ha fatto soffrire o le parole di un’amicizia finita male. Inoltre è possibile attivare due filtri: uno per le persone, che permette di non visualizzare su ‘Accadde oggi’ i post in cui quei contatti sono taggati; l’altro per le date, se ci sono periodi della nostra vita social che non vogliamo rivangare. “I ricordi comprendono contenuti come i tuoi post e i post in cui altre persone ti hanno taggato, gli avvenimenti importanti – si legge nelle preferenze della pagina – e quando hai stretto amicizia con qualcuno su Facebook. Usa questi filtri per assicurarti che ti vengano mostrati su Accadde oggi dei ricordi importanti per te”