Arte Cinema e Teatro Film Telefilm Serie televisive

Oscar 2015: i momenti migliori della cerimonia

The 85th Academy Awards® will air live on Oscar® Sunday, February 24, 2013.

 

Chiuso il sipario e spente le luci. È giunto il momento di fare un bilancio di quella che è stata l’87esima edizione degli Oscar, cerimonia che ha avuto luogo il 22 febbraio presso il Dolby Theatre di Los Angeles e che ha visto come conduttore della serata  Neil Patrick Harris, attore che già in passato aveva diretto edizioni di cerimonie come i Tony Awards e gli Emmy Awards.  Si può sostanzialmente dire che è stata un’edizione elegante ma sobria. Fermo restando che la conduzione di Harris è stata eccellente ed entusiasmante la cerimonia di quest’anno si è caratterizzata per una certa “tranquillità”, facendo così sentire la mancanza delle gag dell’anno scorso come il mega selfie collettivo delle star o Brad Pitt che mangia la pizza su un piatto di plastica come durante una scampagnata.  Anche l’assegnazione dei vari premi si è assestato sullo stesso tono. Poche le sorprese e i colpi di scena, molti invece i pronostici andati a fuoco.  Nonostante ciò è stata comunque un’edizione degna di una cerimonia importante quale quella dell’assegnazione degli Oscar e sono stati molti i momenti che hanno lasciato un segno durante la serata, momenti che hanno fatto sia ridere che commuovere.

Ecco dunque quali sono stati i momenti migliori della serata:

13)  L’esibizione di Adam Levine, cantante dei Maroon  5 che ha sciolto i cuori di migliaia di fan con la canzone “Loststars” – anche se in molte l’avrebbero preferito a dorso nudo-.

12)  Melanie Griffith, madre della protagonista del film 50 sfumature di grigio che ha dichiarato di non aver bisogno di vedere tale film per sapere che sua figlia è brava a recitare. Si, certo.

11) John Travolta che bacia all’improvviso l’attrice Scarlett Johansson sul red carpet.

10) Sempre sul red carpet: Emma Stone stritola Jennifer Aniston in un abbraccio. Entrambe mitiche.

9) Il discorso di Patricia Arquette, vincitrice dell’ Oscar come miglior attrice non protagonista che, nel ricevere il premio, ha invocato la parità di retribuzione per donne e uomini ricevendo il plauso di Meryl Streep e Jennifer Lopez.

8) J. K. Simmons, salendo sul palco per ritirare il premio come Miglior attore non protagonista, invita tutti i figli a chiamare più spesso i genitori per ascoltarli e parlare con loro, senza limitarsi solo ai messaggi. Bellissimo momento.

7) La consegna random degli Oscar di lego agli attori sparsi tra il pubblico – tra cui va segnalato Bradley Cooper che per il resto è rimasto a mani vuote- .

6) L’italiana Milena Canonero ha vinto l’Oscar ai migliori costumi per il film Grand Budapest Hotel, aggiudicandosi così complessivamente quattro statuette nel corso della sua carriera. Chapeau!

5) Neil Patrick Harris che è salito sul palco letteralmente in mutande lasciando a bocca aperta il pubblico per lo stupore –ma anche per il sex appeal, ammettiamolo-.

4) L’esibizione di Lady Gaga, basata sui brani più celebri di tutti insieme appassionatamente e coronata dall’arrivo sul palcoscenico della splendida Julie Andrews.

3) Altra stupenda performance è stata quella di John Legend, che si è esibito con Common cantando “Glory” dalla colonna sonora del film Selma.

2)  La performance d’apertura di Neil Patrick Harris, performance che ha visto la partecipazione canora dell’attrice Anna Kendrick vestita da Cenerentola e intenta a lanciare le sue scarpe contro un redivivo Jack Black.

1) L’ormai consueto momento “in memoriam”, che ha visto ricordare tantissimi attori che ci hanno lasciato quest’anno. Da Virna Lisi ad Anita Ekberg, da Bob Hoskins a Edward Hermann fino ad arrivare all’indimenticabile Robin Williams. Il tutto coronato dall’esibizione di Jennifer Hudson che ha cantato “I can’t let go”.