Ingliando Lingue Università

INGLIANDO – Seconda lezione: la doppia vita del verbo “to have”

NiceDay

Oggi bisogna pensare al verbo “to have” come a due verbi distinti: quello consueto, il classico verbo di “possesso” e l’altro, un verbo di “azione” (più vicino al verbo “fare” in italiano).

Vediamo prima il classico “to have” di possesso.

Teoricamente non serve un ausiliare per formare le varie forme:

Affermativo: They have a new car / He has an old dog

Negativo: They haven’t a new car / He hasn’t an old dog

Interrogativo: Have they a new car? / Has he an old dog?

In realtà è solo la forma affermativa che va bene senza ausiliare (anche se non è l’unica possibilità come vedremo qui sotto).

Le altre due forme, pur essendo corrette, suonano decisamente male (arcaico).

La soluzione per queste due forme è l’inserimento di “got“:

Negativo: They haven’t got a new car / He hasn’t got an old dog

Interrogativo: Have they got a new car? / Has he got an old dog?

Questo utilizzo di “got” non è strettamente necessario nella forma affermativa, ma suona bene e si usa tanto:

Affermativo: They’ve got a new car / He’s got an old dog

La soluzione più semplice è quella di utilizzare sempre il got, quando si tratta di “possesso”, anche per la forma affermativa.

Ma se non si volesse utilizzare il got per quanto riguarda la forma affermativa, bisogna ricordare che non si può usare la forma contratta!

They’ve a new car They have a new car

He’s an old dog He has an old dog

(“He’s an old dog” potrebbe significare che lui è un vecchio cane)!

N.B. L’utilizzo di “got” è strettamente limitato al tempo presente!


Adesso passiamo all’altro to have e cioè al verbo d’ azione.

La cosa più importante da ricordare di questo uso di to have è che si tratta di un verbo che si comporta esattamente come tutti gli altri verbi normali per quanto riguardo l’utilizzo degli ausiliari:

We have a break at 10.00 o’clock ~ Facciamo una pausa alle 10.00.

They don’t have a holiday in the summer ~ Non fanno una vacanza in estate.

Does she have a rest after lunch? ~ Lei si riposa dopo pranzo?

I had a bad dream last night ~ Ho fatto un brutto sogno stanotte.

He didn’t have breakfast this morning ~ Lui non ha fatto colazione stamattina.

Did you have a coffee after lunch? ~ Hai preso un caffè dopo pranzo?


Ci sono tantissime espressioni in inglese che fanno ricorso al verbo to have, spesso non come unica possibilità ma come preferenza. Bisogna tenere presente che queste espressioni  tendono ad avere a che fare con la quotidianità o almeno con le abitudini.

L’elenco che segue NON è completo e NON va messo a memoria: non sono sadico! Serve per dare una panoramica dell’estensione dell’ argomento e per cominciare a entrare nel merito. Dopodiché deve entrare in azione per forza l’intuito!


Questi tre sono senza l’articolo indeterminativo:

to have breakfast ~ fare colazione

to have lunch ~ pranzare

to have dinner ~ cenare


Questi altri invece usano sempre l’articolo indeterminativo:

to have a snack ~ fare uno spuntino

to have a (cup of) coffee/tea ~ prendere un caffè/tè

to have a beer ~ prendere una birra

to have a drink ~ prendere qualcosa da bere

to have a sandwich ~ mangiare un panino

to have a biscuit ~ mangiare un biscotto

to have a bath ~ fare il bagno

to have a shower ~ fare una doccia

to have a wash ~ lavarsi

to have a holiday ~ fare una vacanza

to have a party ~ fare una festa

to have a break ~ fare una pausa

to have a good/great time ~ divertirsi

to have a rest ~ fare un riposino

to have a sleep ~ fare una dormita

to have a walk ~ fare una passeggiata

to have a swim ~ fare una nuotata

to have a run ~ fare un po’ di corsa

to have a game of tennis/football ~ fare una partita di tennis/calcio

to have a cigarette ~ fumare una sigaretta

to have a baby ~ partorire/avere un bambino

to have an accident ~ avere un incidente

to have a dream ~ fare un sogno

to have a look at ~ dare un’occhiata a


N.B. L’utilizzo del verbo to have come verbo di azione e non di possesso è ormai molto diffuso, come si capisce dagli esempi qui sopra, e di conseguenza siamo sempre più abituati a sentire il verbo to have associato agli ausiliari do, does, don’t, doesn’t, did, didn’t ecc. Oggi tutto questo ha portato a un nuovo sviluppo del verbo to have come verbo di possesso: anche in questo caso, sempre più spesso, si vede l’utilizzo dell’ ausiliare invece dell’ aggiunta di “got“.

  • I’m sorry, I don’t have your book. = I’m sorry, I haven’t got your book.
  • Do you have a dog? = Have you got a dog?

ingliandoTAG

Tony Lawson

Il Prof. Tony Lawson insegna inglese nel Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Catania dal 1987 dove si è specializzato nell’insegnamento ai principianti assoluti e ai falsi principianti e dove ha acquisito parecchia familiarità con i problemi e gli errori tipici di chi lotta quotidianamente nel tentativo di cavarsela con la lingua inglese.

Da TWITTER

Un modo per riflettere sulla Costituzione Italiana in classe.
Oggi al MIUR sono stati premiati i docenti e gli studenti vincitori del concorso “Rileggiamo l’articolo 3”. Bravi ragazzi!

I dettagli ▶️ https://www.miur.gov.it/web/guest/-/-rileggiamo-l-articolo-3-premiate-le-scuole-vincitrici-del-concorso-al-centro-della-riflessione-le-disuguaglianze-create-dall-analfabetismo-funzionale

#Mattarella ospite a #Catania: conferirà una medaglia ai Vigili del Fuoco https://catania.liveuniversity.it/2019/11/14/mattarella-ospite-a-catania-conferira-una-medaglia-ai-vigili-del-fuoco/ di @liveunict

#Etna, un documentario ricostruisce in 3D la storica eruzione del 1669 #VIDEO https://catania.liveuniversity.it/2019/11/14/etna-eruzione-1669-documentario/

Load More...