UNICT – Collaborazioni part-time: ecco come vengono formulate le graduatorie

È di pochi giorni fa la notizia della pubblicazione del nuovo bando concernente le collaborazioni part time dell’Università di Catania, destinato agli studenti dello stesso ateneo per un massimo di 800 assegnazioni da 150 ore.

La domanda che molti si pongono riguarda i criteri di formulazione della graduatoria, dato il numero elevato di richiedenti rispetto ai posti disponibili. La lista degli ammessi, stilata da una commissione giudicatrice nominata dal direttore generale, sarà formulata in base al merito. L’indicatore del merito è calcolato con la seguente formula:

IM = MV/30 x CS/CT x AC/AI 

In particolare, i parametri presenti riguardano:

  • IM = indicatore del merito (approssimata alla seconda cifra decimale);
  • MV = media ponderata dei voti riportati negli esami di profitto al 10 ottobre 2017;
  • CS = numero di crediti formativi superati al 10 ottobre 2017;
  • CT = numero totale di crediti formativi previsto nel piano ufficiale o individuale degli studi fino all’anno di corso precedente;
  • AC = l’anno di corso al quale lo studente è iscritto;
  • AI = il numero di anni di effettiva iscrizione a partire dall’anno di immatricolazione.

Gli studenti idonei per poter presentare la domanda, così come chiaramente specificato nel bando ufficiale, devono possedere “un ISEE-U, l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l’Università dichiarata nell’anno accademico di riferimento, non superiore a € 51.000,00, fermo restando che per l’assegnazione delle collaborazioni agli aventi diritto si darà priorità agli studenti che abbiano un ISEE-U non superiore a € 23.000,00“. Inoltre, devono aver “superato entro il 10 ottobre 2017 almeno i 2/5 dei crediti formativi previsti dal piano ufficiale o individuale degli studi dello studente con la votazione media non inferiore a 24/30“.

Nel computo della media e degli esami di profitto non si tiene conto delle eventuali materie sostenute in soprannumero (corsi singoli e prove d’idoneità). A parità di merito, per la posizione in graduatoria, sarà data precedenza allo studente con l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l’Università (ISEE-U) inferiore

È necessario ricordare, inoltre, che  lo studente richiedente non può godere (per lo stesso anno) di altre forme di collaborazioni part-time, non essere beneficiario della borsa di studio e non avere ancora conseguito la laurea. Il bando per l’anno accademico 2017/18, prevede, inoltre, che la domanda sia inoltrata esclusivamente online, attraverso il servizio integrato all’interno del Portale Studenti, entro e non oltre il 15 dicembre 2017.


Il presente articolo viene divulgato esclusivamente a scopo informativo; per quanto non esplicitamente dichiarato e, comunque, per ogni dubbio o chiarimento, si rimanda alla lettura integrale del seguente bando:

BANDO UFFICIALE COLLABORAZIONI PART-TIME UNICT 2017/18 [CLICCA QUI – DOWNLOAD]

Articoli simili


Articoli scritti dalla Redazione.

Advertisement

Leggi articolo precedente:
SCUOLA – Graduatorie insegnamento: il diploma vale più della laurea?

Potrebbero essere ben 60mila i diplomati alla scuola magistrale ad entrare nelle graduatorie per l’insegnamento. Un ricorso al Tar del...

Chiudi