CATANIA – A bordo del nuovo “Metro Shuttle” [VIDEO]

LiveUnict stamattina ha fatto un giro sulla navetta, che collega le sedi universitarie lungo tutta via Santa Sofia fino alla stazione “Milo” della metropolitana. Ecco le prime impressioni sul servizio che “che renderà più facile la vita degli studenti”.

62 corse giornaliere, con partenze ogni 10 minuti la mattina (dalle ore 07.00 alle ore 15.00) e frequenza di 20 minuti nel pomeriggio (dalle 15.00 alle 19.20): stiamo parlando di “Metro Shuttle”, il nuovo servizio FCE che, utilizzando il medesimo biglietto della Metro, collega la stazione Milo alla Cittadella universitaria, il Policlinico ed altre fermate intermedie fino all’immenso parcheggio “Santa Sofia” di via Zenone.

Basterebbero questi numeri per capire il grande passo in avanti che la città di Catania sta facendo verso la mobilità integrata. Una collaborazione tra Comune, Circumetnea e Università che dà vita ad un servizio per studenti, docenti e personale dell’Ateneo costretti prima dell’attivazione della navetta – scendendo alla stazione “Milo” – a percorrere a piedi un tratto di circa 600 metri in salita fino a viale Doria.

Il nostro viaggio a bordo di Metro Shuttle comincia dunque da “Milo” che è la fermata più vicina all’ingresso della Cittadella situata in via Bronte poco sotto il presidio ospedaliero S. Luigi su viale Alexander Fleming. La stazione, dotata di un piccolo parcheggio scambiatore è l’ideale per chi non vuole affrontare l’ardua sfida mattutina dei parcheggi in Cittadella – strisce bianche o strisce blu poco importa, sei costretto alla sveglia all’alba o ad affidarti all’abusivo di turno per accaparrarti un posto – oppure vuole semplicemente raggiungere il centro di Catania in 9 minuti.

Il percorso della linea circolare, che ricordiamo è attiva solamente nei giorni feriali, prevede in totale 9 fermate, su richiesta:

  • Stazione metropolitana “Milo”;
  • Viale Andrea Doria;
  • Cittadella universitaria est;
  • Policlinico est;
  • Di3A;
  • Parcheggio “Santa Sofia”;
  • Policlinico ovest e Torre biologica;
  • Cittadella universitaria ovest;
  • Stazione metropolitana “Milo”.

Il tempo medio di percorrenza è di circa 20 minuti, traffico compreso: una variabile da non sottovalutare dato che Metro Shuttle non ha corsia preferenziale come invece il Brt (il bus rapido Amt ha pure fermata su viale Fleming e permette altresì di raggiungere viale Andrea Doria, Policlinico/Torre Biologica ed ex facoltà di Agraria tramite il biglietto combinato attualmente in commercio al prezzo di 1,20€).

Dunque si impiegano 10 minuti da “Milo” al “Parcheggio Santa Sofia” e altrettanti (o poco meno) nel senso inverso: una tempistica che avvicina Catania alle grandi città del Nord. La prima impressione viaggiando su Metro Shuttle è proprio questa: la nuova navetta rappresenta un risparmio di tempo e perché no di fatica (la salita di viale Fleming è tra le più ripide della città): un’azione concreta che facilita la vita degli studenti Unict, oltre che la mobilità urbana.

Un’importante passo avanti per l’accoglienza agli studenti, in particolare ai tantissimi fuori sede che frequentano Catania ed un forte segnale per la cittadinanza tutta: “Incoraggiando i giovani ad utilizzare i mezzi pubblici si esorta a cambiare mentalità” – come affermato dal rettore Francesco Basile – e di conseguenza si diffonde la cultura della mobilità sostenibile.

Metro Shuttle: a bordo del bus navetta Milo-Cittadella!

تم نشره بواسطة ‏‎Live Unict‎‏ في 26 سبتمبر، 2017

Articoli simili


Edward Agrippino Margarone nasce a Caltagirone il 13 Giugno 1990. Cresce a Mineo dove due grandi passioni, Sport e Musica, cominciano a stregarlo. Il suo nome è sinonimo di concerto tanto che se andate ad un live, probabilmente, è lì da qualche parte. Suona il basso ed è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni.

Advertisement

Leggi articolo precedente:
SCUOLA – Concorso insegnanti 2018: Miur regola l’acquisizione dei 24 CFU

Il Miur ha pubblicato una tabella riassuntiva contenente alcune note per l'acquisizione dei 24 CFU in materie antropo-psicopedagogiche, requisito fondamentale...

Chiudi