Halloween in maschera al Monastero dei Benedettini. Percorsi serali tra luci e ombre

a8c1702d01f0c9988341a64aa5f09b02750

Via i classici festeggiamenti di Halloween. Venerdì 31, al Monastero dei Benedettini,  percorso serale tra luci e ombre. 

Tra meno di una settimana arriverà Halloween, una delle feste più amate dagli americani, solitamente vissuta tra le maschere e il classico “Dolcetto o scherzetto?”. In Italia, Halloween non è percepito così come negli USA, ma verrà ugualmente festeggiato da molti. Quest’anno, però, c’è in programma un Halloween “alternativo”  e interessante, anche per chi respinge la tradizione anglosassone dei festeggiamenti del 31 ottobre.

Niente feste, alcol, musica, ma un bel costume potrebbe ugualmente servirvi per un percorso serale, tra luci e ombre. Venerdì 31, il Monastero dei Benedettini si offre come location d’eccezione per festeggiare Halloween in un modo totalmente nuovo: chi si presenterà in maschera presso l’Infopoint di Officine Culturali, potrà partecipare al percorso serale del Monastero al costo di 2 euro. L’iniziativa coinvolgerà appieno anche i social network, chiunque parteciperà dovrà difatti scattare un selfie per il Monastero e pubblicarlo con l’hashtag #monasterocatania.

Le visite guidate si svolgeranno dalle 20.30 alle 23.30. Ogni percorso avrà una durata di circa un’ora e un quarto e si snoderà tra i sotterranei, i giardini e tutti gli angoli della storia del Monastero. Per partecipare alla visita guidata serale è necessario prenotare ai numeri 0957102767 | 3349242464 tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, dalle 09:00 alle 17:00.

Chi volesse partecipare  a “Luci e Ombre del Monastero: i percorsi serali”, senza però aderire alla promozione, potrà pagare il contributo previsto per le visite guidate al Monastero: tutte le tariffe sono consultabili al sito del Monastero dei Benedettini.

Leggende, miti e architettura: tutto in una sola sera, ripercorrendo 2000 anni. Si tratta di una buona occasione per visitare una delle bellezze catanesi, in cui molti studenti si recano giorno, senza però conoscerne la storia.

 

Articoli simili


Classe ’93, nata a Noto, è laureata in Lettere Classiche all’Università di Catania. Quando è appena una matricola, entra a far parte dell’Associazione Culturale Liveunict e collabora come redattrice. Adesso è coordinatrice della redazione e, tra i libri e gli esami, si dedica alle sue passione: scrivere e informare.

Advertisement

Leggi articolo precedente:
Bologna, vietato parlare male dell’università sui social network

Nell’era della comunicazione, dove tutto viene condiviso e twittato in tempo reale, l’Università di Bologna ha redatto un nuovo codice...

Chiudi