Catania

Danni da siccità nel Catanese: ok da Schifani alla richiesta di calamità naturale

siccità
Siccità nel Catanese: via libera dal Presidente Schifani alla richiesta di calamità naturale. I Comuni più colpiti.

Renato Schifani, Presidente della Regione Siciliana, dà il via libera alla richiesta di dichiarazione di calamità naturale per i danni alle produzioni agricole causati dalla siccità che ha colpito la provincia di Catania nel 2022, fino al 31 luglio. 

Il Governatore si è detto favorevole alla proposta del Dipartimento generale dell’Agricoltura.

“Anche in questo caso veniamo incontro alle istanze delle numerose imprese colpite dalla siccità – precisa Schifani – e la richiesta di dichiarazione dello stato di calamità è il primo passo verso il riconoscimento dei sostegni economici alle aziende agricole che hanno subito gravi danni, a partire dagli sgravi fiscali e previdenziali “.

Colture di ogni tipo hanno subito gravi danni qui in Sicilia, con danni stimati di 208 milioni di euro, pari in percentuale al 39%. Secondo i diversi dati raccolti, i Comuni più danneggiati sono circa 20. Si tratta di:

  • Catania;
  • Belpasso;
  • Caltagirone;
  • Castel di Iudica;
  • Grammichele;
  • Licodia Eubea;
  • Mazzarrone;
  • Militello in Val di Catania;
  • Mineo;
  • Mirabella;
  • Imbaccari;
  • Misterbianco;
  • Motta Sant’Anastasia;
  • Palagonia;
  • Paternò;
  • Raddusa;
  • Ramacca;
  • San Cono;
  • San Michele di Ganzaria;
  • Scordia;
  • Vizzini.