Attualità

Decreto Pnrr: multe in arrivo per chi non accetta pagamenti con Pos

Lotteria degli scontrini
Il pagamento con Pos non potrà più essere rifiutato. A breve una legge che multa i commercianti che rifiutano i pagamenti elettronici.

Arriva una buona notizia per i fan dei pagamenti con carta in ogni occasione e circostanza. Chi rifiuta il pagamento con Pos rischierà una multa a partire da un minimo di 30 euro, più il 4% del valore della transizione negata. La norma è stata inserita all’interno del decreto Pnrr sui fondi per il Recovery fund ed entrerà in vigore a partire dall’1 gennaio 2023.

Le multe scatteranno per i negozianti e i professionisti che non accetteranno i pagamenti elettronici e la parte “fissa” della contravvenzione varrà a prescindere dall’importo negato. Per esempio, se il pagamento rifiutato è di 5 euro il negoziante rischierà una multa di 30 euro e 20 centesimi, ovvero il 4% dell’importo tramite pagamento elettronico negato.

La norma è stata già approvata in prima battuta il 21 dicembre e dovrà passare dal Senato entro il 5 gennaio. Il testo, tuttavia, sarà super blindato e anche alla Camera è stato approvato con una larga maggioranza dei parlamentari.

Già da diversi anni l’Italia prova a favorire i pagamenti elettronici in luogo di quelli cartacei. Negli scorsi anni un primo tentativo “con le buone” è stato fatto con il cashback di Stato, ma l’obbligo di avere il Pos e accettare i pagamenti con carta esiste già dal 2014. Tuttavia, alla legge che obbligava i commercianti a garantire i pos (point of sales) elettronici non era mai stata affiancata, finora, una sanzione. Per questo molti hanno stabilito soglie arbitrarie (5 o 10 euro) per accettare i pagamenti con carta o non si sono affatto dotati di Pos, che adesso diventa sempre più indispensabile.

Università di Catania