Attualità

Lo Spallanzani cerca volontari per il vaccino: un’indennità ai partecipanti

vaccino coronavirus
Cominciano anche in Italia le sperimentazioni del vaccino anti Covid-19. Per questo motivo, lo Spallanzani di Roma è alla ricerca di volontari: quali sono i requisiti?

Prosegue la lotta contro il Covid-19: mentre si monitorano i casi nuovamente in crescita in tutto il Belpaese, il personale sanitario italiano comincia a cercare dei volontari sui quali sperimentare uno dei nuovi vaccini sviluppati in territorio italiano.

Uno di questi è quello prodotto dalla ReiThera di Castel Romano, creato dall’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani. Ed è proprio dallo Spallanzani che giunge l’invito a sottoporsi volontariamente alla sperimentazione del nuovo vaccino.

Come recitato nell’annuncio, pubblicato sul canale social “Salute Lazio”, l’Istituto Spallanzani cerca “volontari sani, di ambo i sessi, di età compresa tra i 18 e i 55 anni e tra i 65 e gli 85 anni, iscritti al Servizio Sanitario Nazionale, che non abbiano partecipato ad altri studi clinici negli ultimi 12 mesi e che non abbiano contratto il Covid-19″.

L’impegno dei partecipanti, al massimo 90, “consiste in una visita per valutare lo stato di salute e, se idoneo, successive 8 visite nel corso di 7 mesi. La durata di ciascuna visita è di circa 30 minuti. Il giorno della vaccinazione sarà chiesto di restare in osservazione per circa 4 ore”.

Ai partecipanti spetterà un’indennità di 700 euro. Gli interessati a dare un contributo alla lotta contro il Coronavirus possono chiamare il numero 06/55170203 dalle 09:00 alle 17:00 o scrivere una mail a dirsan@inmi.it.