Test Ammissione

Test Medicina 2020: la quota da pagare è triplicata

test medicina 2020: come iscriversi
Foto archivio.
Da ieri è possibile registrarsi sul portale Universitaly per iscriversi ai test di ammissione in Medicina e Chirurgia dell'a.a 2020/2021. La tassa da pagare per accedere ai test che si presenta sul portale dello studente, però, è nettamente superiore a quanto era stato stabilito dall'Università di Catania nel bando di ammissione.

Ancora nuovi ostacoli per i sopravvissuti alla Maturità 2020, esperimento a livello nazionale che ha messo alla prova non solo gli studenti ma anche gli insegnanti. Per gli aspiranti medici che vogliono tentare i test Medicina 2020, sperando di superare le prove selettive del più ambito corso di laurea a numero chiuso, c’è una novità che riguarda il costo dell’iscrizione ai test. I primi iscritti tra ieri e oggi, infatti, avranno notato una notevole variazione del prezzo da pagare nel momento in cui erano in procinto di ultimare il pagamento.

Così nella schermata dei pagamenti del portale studenti la quota da saldare per il test medicina 2020 non si aggirava più su 30 euro, com’era stato stabilito all’interno del primo bando pubblicato sul sito dell’Università di Catania, ma prevede attualmente il pagamento di 100 euro. Inizialmente è stato ipotizzato un malfunzionamento dello stesso portale. I futuri universitari, tra dubbi e incertezze si sono rivolti anche all’URP, che ha confermato la sentenza del portale studenti, affermando che si trattava di un cambiamento del Rettore fatto proprio ieri. Alcuni studenti si sono trovati disorientati dal cambiamento. Tuttavia, la stessa modifica è stata pubblicata all’interno della pagina dell’ateneo relativa al bando, all’interno del decreto integrativo relativo al numero di posti disponibili e alla modifica della tassa di partecipazione (DR 1661 del 1 Luglio 2020). Permane, però, la discrepanza tra il bando e il decreto integrativo, compresenti nella stessa pagina, che per alcuni studenti potrebbe generare in confusione.

Uno screen dal portale studenti.

Proprio all’interno del decreto n. 166  si legge che, per quanto riguarda il test Medicina 2020, la “la tassa di partecipazione per l’accesso ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e protesi dentaria è pari a € 100, giusta nota CRUI, prot. n. 302218 del’1 luglio 2020″. L’aumento della quota dei test d’ammissione si spiega così come una rettifica a ciò che era stato precedentemente stabilito dall’ateneo catanese.

La CRUI, acronimo che sta per Conferenza dei Rettori delle Università italiane, è un’istituzione di cui fanno parte molti rettori a livello nazionale. Il rettore dell’Università di Catania Francesco Priolo ha dato la sua adesione alla CRUI lo scorso settembre 2019, poco dopo la sua nomina, includendo così l’università. Si tratterebbe, quindi, di una decisione nazionale, dato che al CRUI aderiscono pressoché tutte le università italiane (di esso ha fatto parte, nel ruolo di presidente, lo stesso attuale ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi).

Gli atenei che aderiscono sono tenuti pertanto a fissare il costo della tassa d’iscrizione ai test Medicina 2020 a 100 euro. Una novità rispetto al passato, dato che, per esempio, l’Università di Catania ha così triplicato i costi per gli studenti tenuti a versare la quota. Pertanto la somma è sì uguale in tutte le università italiane che aderiscono alla CRUI, ma si lega anche al fatto che i test a numero programmato a livello nazionale, quest’anno, si svolgeranno nella sede più vicina alla residenza dello studente, uniformando i costi al massimo della cifra richiesta, in passato variabile a seconda dell’Ateneo.

Universitaly, via a iscrizioni test Medicina 2020: come fare