Cucina - Studenti&Fornelli

Studenti&fornelli – Torta di mele: veloce, economica e buonissima!

Tutti siamo impegnati giorno e notte (veramente?!) a preparare gli esami per questa terribile sessione invernale. Che poi, se questa è terribile vogliamo parlare di quella estiva? O peggio di quella autunnale? Diciamo che studiare è pesante in ogni periodo dell’anno, ma se ad addolcirci la vita c’è una buonissima torta di mele, magari accompagnata con una tazza di te mele e cannella studiare diventa più piacevole (o quasi!).

torta di mele

Ieri pomeriggio in preda al panico degli esami imminente e della mia formidabile preparazione (pag.1 su 875 pagine di disperazione!) ho scelto la via più facile per consolarmi: l’applecake. Ora, lo dico già da subito, non aspettatevi la rigorosa preparazione inglese, americana perché da buona siciliana le rivisitazioni locali della ricetta mi vanno a genio. Vediamo la ricetta:

 

Ingredienti

150 g di zucchero
300 g di Farina 00
3 uova
140 g di burro
4 mele circa 600 g
1 limone
1 bustina di lievito (consiglio quello vanigliato, non scrivo Paneangeli,anche quello dell’Eurospin va benissimo!)
1/2 bicchiere di latte 

Procedimento 

Tagliate in due piatti diversi le 4 mele, due a fettine sottili e le altre due a cubetti e irrorate con succo di limone per evitare che anneriscano. Separate i tuorli dagli albumi e sbattete i tuorli con lo zucchero e aggiungete alle uova 80 g  di burro ammorbidito, sbattete per qualche minuto finché non si amalgami bene. Versate il mezzo bicchiere di latte a temperatura ambiente e mescolate fino a ottenere un’impasto sia omogeneo.  Aggiungete la farina setacciata e il lievito vanigliato e mescolate ancora.

Montate a neve (se avete le fruste elettriche vi verrà facilissimo!) gli albumi aggiungendo un pizzico di sale. Incorporate l’albume montato a neve in 2 volte. e mescolare dall’altro al basso delicatamente, per evitare che perda volume. A questo punto versate le mele a cubetti nel composto (sgocciolate precedentemente dal succo di limone in eccesso), mescolate sempre delicatamente e versate il composto in una tortiera a cerniera imburrata (dopo aver imburrato mettere un disco di carta forno sul fondo, dello stesso diametro del fondo della tortiera, quindi 22 cm).

Decorate a vostro piacimento l’impasto in teglia con le fettine di mele (sgocciolate dal limone usato per non farle annerire). Infine fate sciogliere i restanti 60 g di burro in un pentolino e versatelo sulle mele prima di infornare,  spolverare con zucchero di canna o semolato in modo che in forno poi si crei una crosticina dorata (buonissima!!!) in alternativa io ho usato gli zuccherini avanzati dai dolci natalizi. Infornate per 50 minuti a 170°.

A proposito dell'autore

Maria Eleonora Palma

Autore - Sono nata il lontano 24 Novembre del 1993 a Vittoria, una piccola città in provincia di Ragusa. Mi divido tra Catania, dove frequento il primo anno della facoltà di Scienze e Tecniche Psicologiche, e la mia città natale che amo tanto e a cui sono legati ricordi, amicizie e impegni vari. Sono una persona piuttosto socievole e accogliente, amo fare nuove esperienze (per questo piuttosto spesso mi ritrovo in situazioni buffe e stravaganti, comunque… sorvoliamo la faccenda!). Mi piace molto scrivere, leggere libri di tutti i generi e sono da ormai 4 anni educatrice in ACR (Azione Cattolica Ragazzi). I bambini sono il mio piccolo laboratorio: mi piacerebbe in futuro lavorare con loro, e grazie a questa opportunità ho scoperto pian piano che i bambini non sono dei piccoli “mostriciattoli capricciosi”, anzi un continente di emozioni, pensieri e comportamenti da scoprire. E’ molto bello e gratificante lavorare e avere a che fare con loro, spesso sono più sensibile e profondi degli adulti. Mi piacciono gli animali, anche se per ragioni di spazio, non ne tengo alcuno a casa. L’ultimo libro che ho letto è Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, uno dei miei libri preferiti, riletto più volte, questa è la terza, e credo uno dei testi meglio riusciti sull’autismo infantile. Non appena riuscirò a ritagliarmi un po’ di tempo, vorrei iniziare un corso di fotografia. Quello che mi manca è la Reflex, ma questo non è un problema.

Università di Catania