Attualità Ricerca Unict Società Università di Catania

UNICT – Il centro di ricerca Cutgana distribuisce posacenere nelle spiagge

ma il mare non vale una cicca cutgana

L’associazione “Marevivo” ha lanciato la campagna “Ma il mare non vale una cicca?” rivolta alle coste italiane e volta a sensibilizzare tutti i fumatori. cutgana cicca marevivo
Il primo weekend di agosto ha avuto, dunque, come protagonisti mille volontari impegnati nella distribuzione di 120 mila posacenere tascabili, lavabili e riutilizzabili.
Scopo dell’iniziativa è, chiaramente, salvaguardare le nostre spiagge dalle cicche che le ricoprono nel periodo estivo. Il periodo di smaltimento di una sigaretta va da 1 a 5 anni e considerando che un fumatore medio, stando ai numeri riportati dall’Istituto Superiore di Sanità, consuma al giorno circa 12 sigarette il numero di cicche che viene gettato, in modo incurante, nelle spiagge è elevato.
La testimonial dell’iniziativa è Federica Pellegrini, ha spiegato così la sua adesione all’iniziativa: “Basta un semplice gesto, ovvero spegnere la sigaretta e riporre il mozzicone nel posacenere tascabile, per risparmiare al mare anni di inquinamento e proteggere anche delfini, tartarughe e tutte le creature degli oceani. Per questo condivido il messaggio lanciato con questa iniziativa che dimostra, concretamente, come ogni piccolo sforzo, fatto ogni giorno, possa portare a grandi risultati. Impegniamoci insieme per fare del 2015 un’estate da primato!”.

Anche il Centro di ricerca dell’Università di  Catania, Cutgana, ha aderito alla campagna, così Domenico Catalano, direttore della Riserva naturale intergrale Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi, e il personale del Cutgana hanno distribuito ai bagnanti dell’isolotto ciclopico i posacenere da spiaggia.