Attualità Università

Meritocrazia e nessuno spreco: la scuola superiore del neo presidente Priolo

Il professore, Francesco Priolo, neopresidente della Scuola Superiore di Catania

scuola-superiore_1_originalParola d’ordine: MERITOCRAZIA. Non c’è spazio per tutti: solo i migliori riescono ad entrare, peraltro dopo aver superato brillantemente prove difficilissime (sia scritte che orali), “uno su mille”  direbbe il neo presidente dellaScuola Superiore Universitaria diCatania, il professore Francesco Priolo, docente ordinario dal 2001 di fisica della materia e da meno di un mese eletto a questa prestigiosa e oltremodo meritata carica. Un profilo accademico brillante il suo: da buon catanese, frequenta le nostre università, prende il dottorato in fisica della materia e corona un curriculum eccellente con un lungo periodo di studi trascorso in America, nel più prestigioso laboratorio di fisica (sottolinea che il centro ha avuto più Nobel per la fisica di Harvard!), una struttura in New Jersey, per poi tornare a casa, nella sua Catania e proseguire la sua carriera universitaria dapprima come docente specializzato in fotonica e nanotecnologie, e adesso come presidente della prestigiosa scuola di eccellenza.

Sappiamo effettivamente cosa siano gli istituti superiori di eccellenza e  conosciamo, nello specifico, la realtà del nostro “gioiellino” catanese?

“La scuola superiore catanese nasce quindici anni fa per volere dell’allora rettore Rizzarelli e il suo primo direttore fu il professore Rimini, tra l’altro mio maestro. Il nostro istituto s’inspira al modello della rinomata Normale di Pisa: l’idea portante che ci caratterizza è quella di riuscire ad avere una struttura in cui quello che conta è ESCLUSIVAMENTE il merito. Altro elemento principale è laresidenzialità che i ragazzi vivono all’interno della nostra struttura. I nostri allievi infatti, pur provenendo e pur facendo esperienze diverse in corsi di laurea differenti, si ritrovano a vivere un continuo scambio, una proficua contaminazione di saperi dovuta al fatto che sono costantemente sottoposti a seminari, incontri serali condotti da personalità di alto respiro, non solo italiani ma anche internazionali, dei diversi scenari, oggetto di studio.  I ragazzi DEVONO seguire corsi aggiuntivi interdisciplinari (per esempio, si sceglie annualmente un corso, mettiamo quello di retorica, e nonostante io allievo, studi fisica, devo obbligatoriamente seguirlo, a vantaggio di una personale preparazione eclettica che oltrepassi il profilo specifico del percorso di studi che affronto) per conseguire un’unitarietà di saperi, avere una maggiore apertura mentale, sostenuta da ulteriori corsi specifici, settoriali del proprio corso di laurea. Terzo elemento caratterizzante la nostra scuola è il precoce avvio dei ragazzi all’attività di ricerca. Introdotta fin dai primi anni, gli allievi sono costantemente seguiti da un tutor, un docente dello stesso corso di studi, a cui viene affidato il singolo studente, che lo supporta, lo guida e lo consiglia lungo tutto il suo percorso di studi. In più, altro importante sostegno è costituito dall’associazione ALUMNI, formata dagli ex alunni della scuola superiore, i quali, particolarmente affezionati, hanno il piacere di tornare qui per raccontare la loro esperienza ai nuovi arrivati, organizzando seminari informativi in cui condividono la propria storia e il loro successivo trionfo professionale. E’ ovvio che il nostro successo sia in gran parte dovuto al fatto che gran parte degli studenti, se non tutti, appena diplomati e usciti dalla nostra scuola trovano IMMEDIATAMENTE  il loro posto occupazionale nel mondo del lavoro. Si tratta di persone brillanti, molti di loro, questo va detto, lavorano all’estero, ma altri tornano in Italia.

Diritti e doveri di uno studente della Scuola Superiore Catanese.

“Oltre l’ordinario percorso universitario nelle proprie università, c’è l’obbligo di partecipare ai nostri diversi seminari di formazione, di cui accennavo poc’anzi ; poi bisogna mantenere una media superiore ai ventisette trentesimi, non bisogna prendere voto più basso di ventiquattro o fallire un esame, bisogna essere perfettamente in corso con gli anni previsti al conseguimento della laurea. Chi dovesse infrangere le regole perde il diritto di stare in questa scuola. In compenso i nostri ragazzi godono di vitto e alloggio, dal prossimo bando di iscrizione, totalmente gratuito,  sono coperte tutte le spese per il tutor, per i corsi e tutte le attività organizzate all’interno della scuola, inoltre abbiamo una biblioteca interna fornita di tutti i libri usati in università e nel caso qualcuno mancasse provvediamo prontamente per fornirlo. Altro vantaggio è la fitta rete che si viene a creare a scuola: infatti, grazie all’autorganizzazione da parte degli allievi stessi, si entra in contatto con le altre realtà delle  scuole di eccellenza italiane. La scorsa settimana, per esempio, abbiamo avuto ospiti i ragazzi della Sant’Anna di Pisa, della Galileiana di Padova … al fine di promuovere nuove iniziative da portare avanti insieme. Come possiamo ben vedere, la nostra è una scuola di alta formazione, è un fiore all’occhiello che va coltivato e rilanciato.”

Il professore, Francesco Priolo, neopresidente della Scuola Superiore di Catania

Qual è la situazione economica della scuola?E’ vero che in passato la scuola rischiava la chiusura a causa di mancanza di risorse economiche? E quali provvedimenti sono stati presi dal vostro istituto per far fronte ai numerosi tagli all’istruzione fatti in passato, e quali saranno presi per fronteggiare i nuovissimi appena annunciati da Crocetta?

“Le problematiche economiche delle università italiane sono già note a tutti. E’ triste constatare come, indipendentemente dalla crisi economica che è sotto gli occhi di tutti, gli altri Paesi, a differenza dell’Italia, di fronte a una tale situazione continuino a promuovere la formazione, la ricerca e l’istruzione. Non si taglia il futuro, sul futuro si investe. In Italia ciò non accade, la questione finanziamento è un grosso problema. Per quanto riguarda la situazione economica della nostra scuola, noi non abbiamo problemi da questo punto di vista: certo, è ovvio che non possiamo permetterci degli sprechi, sprechi non verranno fatti ma saranno trovati i fondi per continuare a promuovere ESCLUSIVAMENTE la meritocrazia. La scuola, tengo a puntualizzare, deve trovare finanziamenti propri, specifici per questo tipo di esperienza che offriamo e continuiamo a portare avanti. E’ chiaro che l’istituto, pur facendo parte dell’ateneo, non possa competere con altre parti dell’ateneo stesso per il recupero delle risorse. Le fonti di finanziamento sono ad hoc e posso dire che ho già iniziato a lavorare a questo punto, ma sono ancora presidente da meno di un mese quindi ho chiaramente bisogno di tempo.”

Nell’ultima domanda, la mia preferita, chiedo:

Perché sempre più ragazzi valutano direttamente la scelta di “migrare” verso le università del Centro Nord Italia, bypassando e snobbando la realtà catanese? Cosa li spinge a preferire altri atenei, fuori dalla Sicilia? La convinzione di trovare lavoro più facilmente fuori, il luogo comune ormai rimasticato alla nausea, di carenze di servizi, stutture inadeguate, docenti non all’altezza, nepotismo, leggende metropolitane che ingigantiscono e danno un’immagine sbagliata della nostra realtà universitaria…? Tutti questi sono solo pregiudizi consolidati nella mentalità collettiva, o in fondo, un minimo di verità c’è e se c’è qual è, dal suo punto di vista?

“Ci sono molteplici aspetti che vanno presi in considerazione: primo fra tutti è la nostra incapacità (almeno finora) come sistema universitario di riuscire a far capire ai potenziali studenti le eccellenze che all’interno delle università catanesi sono effettivamente presenti. Troppo spesso “L’erba del vicino è più verde della mia”, troppo spesso si pensa che andando fuori si trovi qualcosa di migliore. Io ho studenti sparsi in tutto il mondo (Boston University, Brown University, Cambridge, Imperial College …) e tutti confermano che la realtà catanese non ha nulla da invidiare alla realtà universitaria, non solo italiana, ma internazionale. Il vero problema è che io sto parlando di studenti che hanno vissuto questa realtà, molto spesso perdiamo gli studenti prima ancora che questi abbiano avuto la possibilità di entrare in contatto con quella che è la vera realtà universitaria catanese e questo è un problema di comunicazione. A questo punto, ricollegandomi alla scuola superiore catanese, mi domando, Le domando e domando a tutti i nostri lettori: chi, prima di leggere il nostro articolo, sapeva cosa fosse l’istituto superiore universitario di Catania e quanti ne verranno a conoscenza dopo la lettura dell’intervista? Io non voglio dire che “va tutto bene”, ma a Catania, dentro le nostre università, ci sono delle punte di eccellenza, tra l’altro non isolate, che non hanno nulla da invidiare alle migliori università del mondo. E’ chiaro che non è ovunque così, non si può dire che il nepotismo non esista, non metto la testa sotto il cuscino, ma “non si può neanche buttare il bambino con l’acqua sporca”. A questo si aggiunge, senza voler fare il classico piagnisteo meridionale, che la realtà industriale del Sud è ben diversa da quella nordica.  E’ ovvio che se esco dal Politecnico di Milano la possibilità di entrare nel mondo del lavoro è maggiore. Tuttavia, io penso che nel momento in cui si creano professionalità, al di là del luogo in cui si siano laureate, c’è la possibilità di trovare lavoro. La scuola superiore è un caso a sé, qui abbiamo l’un per mille, ma è pur sempre un esempio che mostra come chi esca da qui sia un talento che è stato ben coltivato e che ha dinanzi a sé mille porte aperte.

Maria Eleonora Palma

Autore - Sono nata il lontano 24 Novembre del 1993 a Vittoria, una piccola città in provincia di Ragusa. Mi divido tra Catania, dove frequento il primo anno della facoltà di Scienze e Tecniche Psicologiche, e la mia città natale che amo tanto e a cui sono legati ricordi, amicizie e impegni vari. Sono una persona piuttosto socievole e accogliente, amo fare nuove esperienze (per questo piuttosto spesso mi ritrovo in situazioni buffe e stravaganti, comunque… sorvoliamo la faccenda!). Mi piace molto scrivere, leggere libri di tutti i generi e sono da ormai 4 anni educatrice in ACR (Azione Cattolica Ragazzi). I bambini sono il mio piccolo laboratorio: mi piacerebbe in futuro lavorare con loro, e grazie a questa opportunità ho scoperto pian piano che i bambini non sono dei piccoli “mostriciattoli capricciosi”, anzi un continente di emozioni, pensieri e comportamenti da scoprire. E’ molto bello e gratificante lavorare e avere a che fare con loro, spesso sono più sensibile e profondi degli adulti. Mi piacciono gli animali, anche se per ragioni di spazio, non ne tengo alcuno a casa. L’ultimo libro che ho letto è Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, uno dei miei libri preferiti, riletto più volte, questa è la terza, e credo uno dei testi meglio riusciti sull’autismo infantile. Non appena riuscirò a ritagliarmi un po’ di tempo, vorrei iniziare un corso di fotografia. Quello che mi manca è la Reflex, ma questo non è un problema.

Da TWITTER

L’#arancino entra nell’ Oxford Dictionary: gli inglesi scelgono il maschile @oxforddictionar #sicilia #catania #

😀😀😀

https://t.co/Q8PIztJzXE

Load More...