Catania

Notte nazionale del Liceo classico: tutti gli eventi promossi dai licei catanesi

La Notte nazionale del Liceo classico giunge alla sua quarta edizione. Anche quest'anno i licei catanesi aderiranno all'iniziativa con una lunga serie di spettacoli, concerti e rappresentazioni volte a promuovere e valorizzare la cultura classica.

La Notte nazionale del Liceo classico, iniziativa ideata dal professore Rocco Schembra del Liceo Gulli e Pennisi di Acireale, giunge alla sua quarta edizione, diventando un appuntamento fisso, anno dopo anno, per i rilancio del liceo classico. Anche quest’anno il Liceo Classico “Gulli e Pennisi” di Acireale, si conferma promotore della Notte Nazionale del Liceo Classico, con il ruolo di guida e di coordinazione dell’intera iniziativa che coinvolgerà quest’anno oltre 400 licei in tutta Italia. Tutti i licei classici di Catania prenderanno parte all’iniziativa, che avrà luogo venerdì 12 gennaio, quando i licei apriranno le porte alla cittadinanza dalle ore 18.00 alle ore 24.00.

Tutti e 4 i maggiori licei classici catanesi offriranno un vasto programma di eventi, rappresentazioni teatrali, letture animate, concerti, performance, mostre fotografiche, degustazioni ispirate al mondo antico, conferenze, dibattiti, letture di libri e tanto altro. Il Liceo classico M. Cutelli  ha scelto come filo conduttore delle performance che si avvicenderanno nel corso dell’intera giornata  il legame forte e profondo tra la città e il mare, quel mar Mediterraneo che unisce popoli e culture. L’apertura dell’evento a opera della Dirigente scolastica E. Colella, nel’aula magna del liceo, vedrà le performances musicali degli studenti. In parallelo, le varie aule tematiche tenute dagli studenti come “La leggenda di Colapesce” o “Mediterraneo: un mare di speranze” racconteranno i molteplici aspetti del forte legame tra l’uomo e il mare. Sulla stessa linea, la mostra fotografica “Mare Nostrum. La rassegna prosguirà fino a notte con incontri con autori di libri, con spettacoli di recitazioni e ulteriori concerti.

Per quanto riguarda il Liceo classico N. Spedalieri, è stato scelto per l’evento il nome di “Natura Naturans, un’espressione puramente latina, traducibile con “Natura Naturante”, che trova la sua prima concezione nel filosofo cinquecentesco Giordano Bruno e successivamente nella filosofia dell’olandese Spinoza. Al centro quindi troviamo il rapporto natura ed essere umano. L’ evento occuperà tutti i piani dell’edificio, ognuno dei quali corrisponderà rispettivamente all’acqua, alla terra, all’aria e al fuoco, elementi naturali indispensabili per la vita dell’uomo. Anche qui numerose aule tematiche, letture e laboratori teatrali tenuti dagli studenti. Nell’area fuoco si terrà un rinfresco che porterà alla riscoperta di quei sapori che la natura stessa offre.

Il Convitto Nazionale Cutelli Liceo Europeo ha scelto invece come titolo per l’evento “In varietate concordia”, non ispirandosi ad un tema specifico, ma offrendo comunque importanti occasioni per la riscoperta della cultura classica e non solo. Tra una degustazione dei sapori dell’antichità, esperimenti scientifici in lingua italiana inglese e francese e ancora e un teatro francofono, il Liceo darà un’impronta multiculturale al’iniziativa. Ancora letture di liriche in greco e latino, danze e concerti contribuiranno ad arricchire l’evento.

Con questa importante iniziativa i licei invitano ex alunni, genitori, professori, e l’intera cittadinanza a prendere parte. Quello che si instaura è così un rapporto sempre più stretto tra città e scuola, un rapporto di mutuo riconoscimento, di sostegno e collaborazione. L’obiettivo rimane quello di valorizzare la cultura degli antichi. Conferire il giusto valore all’eredità classica, divulgando e facendo conoscere gli elementi costitutivi di quel mondo, è l’unico modo per preservare dall’oblio le nostre origini profonde, quelle che ci legano agli antichi, quelle che a partire dalla lingua, dai costumi e dalle tradizioni, costituiscono il nostro essere.