Alternative all’Erasmus: come studiare all’estero

Nell’ipotesi vogliate studiare all’estero senza una borsa di studio Erasmus, un corso di lingua all’estero e uno stage in un’azienda straniera sono delle ottime alternative per vivere in una o più destinazioni in tutto il mondo per il periodo di tempo che desiderate.

Già le scuole secondarie di secondo grado organizzano stage di tre o quattro settimane all’estero, in cui gli studenti possono intraprendere un percorso formativo ma anche un’esperienza lavorativa (quest’ultima specifica delle scuole professionali), durante le quali apprendono anche la lingua. Un programma da non sottovalutare e da considerare dopo il diploma è il sistema didattico EF Efekta ™System, che aiuta ad apprendere le lingue in modo duraturo ed efficace con sessioni di laboratorio interattivo ( iLab ), con la possibilità di preparare anche una certificazione di inglese, come  Cambridge ESOL, IELTS, TOEFL e TOEIC. Il metodo EF permette anche di studiare in un’università e di conseguire dunque la laurea all’estero. Maggiori informazioni si possono reperire sulla pagina ufficiale EF. La Hult International Business School è rivolta a studenti che desiderano ottenere un diploma universitario durante l’anno di studio all’estero. E’ possibile sceglire tra 3 diplomi:

  • – Diploma in Business
  • – Diploma in Relazioni Internazionali
  • – Diploma in Comunicazione

Molti studenti iniziano scegliendo un programma di un anno o un semestre di studio all’estero per migliorare le loro competenze linguistiche, prima di frequentare la Hult nella disciplina di loro scelta. I corsi della Hult University sono sviluppati per gli studenti che desiderano muovere i primi passi verso una carriera internazionale. Maggiori informazioni sono reperibili sul sito ufficiale della Hult School.

Inoltre c’è anche la possibilità, ambita da molti, di iscriversi ad un’università estera. Questo progetto è molto difficile, soprattutto all’inizio, perché non si conoscono le modalità di accesso e il percorso accademico delle varie università straniere, ma anche in questo caso ci sono dei programmi che assistono gli studenti sia nella scelta dell’università che nel percorso accademico. L’inter-studio viaggi permette di consultare vari cataloghi e di informarsi meglio per raggiungere questo obiettivo. In questo modo si apprenderà molto bene la lingua essendo direttamente iscritti all’estero. Un ultimo programma da consultare è il progetto WEP, che permette di organizzare vacanze studio ma anche stage all’estero.

Insomma, non ci sono scuse: se si vuole apprendere bene una lingua svolgendo un’importante esperienza all’estero ci sono tantissimi programmi, oltre al notissimo Erasmus, che permettono di farlo. Perciò rimboccatevi le maniche e aprite la mente: in un mondo sempre più cosmopolita tenere a mente queste cose può essere molto utile.

Articoli simili

Advertisement

Leggi articolo precedente:
Ordinanza storica: Tar annulla test d’ammissione alla Statale, primo passo verso il libero accesso universitario?

Si è rivelata quasi come un colpo di scena la decisione del Tar del Lazio di sospendere i test d'ammissione...

Chiudi