CALCIO CATANIA – Gli etnei giocano a tennis con l’Akragas: goal e pagelle [VIDEO]

Grande dimostrazione di forza da parte del Calcio Catania quella di ieri al Massimino, con i rossazzurri che hanno strapazzato l’Akragas per ben sei reti a zero nella gara di Coppa Italia. Una partita senza storia sin dai primi minuti di gioco, con uno straordinario Francesco Ripa, autore di una doppietta nella prima mezz’ora (poi uscito in via precauzionale), susseguita dalle segnature dell’esordiente Ze Turbo, di Mattia Rossetti, del centrale Tedeschi e di Andrea Mazzarani, abile a concludere in rete un calcio piazzato nei minuti finali.

Il Catania, così come l’Akragas, ha schierato chi finora aveva accumulato meno minuti di gioco nelle gare ufficiali, a partire dal portiere spagnolo Martinez (riconfermato anche quest’anno come secondo di Pisseri). Un risultato tondo, complice sia il diverso blasone tra le due compagini che la partita giocata in dieci uomini dagli akragantini per gran parte del tempo regolamentare: al 27 esimo minuto di gioco, infatti, è pesata molto l’espulsione di Mileto che ha causato il penalty, per un fallo su Aya nella linea di porta, poi sbagliato da Mazzarani.

Il Catania adesso si appresta a preparare l’insidiosa trasferta di Caserta, valida per la seconda giornata di campionato che si disputerà sabato prossimo in terra campana.

PAGELLE

TEDESCHI 6.5 – Gioca un’attenta partita nei secondi 45 minuti andando anche in rete in seguito ad un colpo di testa su calcio d’angolo. Copre più volte sull’insidioso Franchi, senza alcun dubbio il migliore tra gli agrigentini.

MARCHESE 6 – Sbaglia diversi palloni, anche semplici appoggi verso i compagni. Più attento in difesa rispetto alla gara col Fondi, complice anche la scarsa vena realizzativa degli avversari. Sforna un pregevole assist per il secondo goal di Ripa.

MAZZARANI 6 – Sbaglia un rigore, un goal a porta sguarnita (sul susseguente palo di Ze Turbo) ed è disattento in diverse circostanze. Si fa perdonare negli ultimi minuti di gara, con una punizione d’antologia all’incrocio dei pali.

ESPOSITO 6.5 – Parte un po’ a rilento, con l’emozione sulle gambe che gli fa sbagliare qualche pallone. Finisce la gara in crescendo, fornendo una buona prestazione nel complesso, impreziosita da assist.

RIPA 7.5 – Il bomber d’area di rigore, il cecchino che davanti la porta sa cosa fare a memoria per buttarla dentro. Gli bastano 29 minuti per siglare una doppietta che dà il via al risultato tennistico, prima di uscire dal campo tra gli applausi un minuto dopo.

ZE TURBO 7 – Si parlava un gran bene di questo campioncino scuola Inter, in presto secco dalla compagine meneghina. Entra, segna un goal di testa, fa impazzire gli avversari e colpisce pure un clamoroso palo. Indubbiamente uno sul quale si potrà contare in futuro.

ROSSETTI 6.5 – Entra al 30esimo minuto e cerca il goal tutta la partita, trovando quello del 4-0, complice anche un errore da parte dell’estremo difensore akragantino. Una rete liberatoria, dopo i tormenti fisici che l’hanno tenuto lontano dai campi di gioco per diversi mesi. Bentornato.

CATANIA – MARTINEZ 6; AYA 6.5 (TEDESCHI 6.5), BOGDAN (6.5) MARCHESE 6; ESPOSITO 6.5, CACCETTA 6, BUCOLO 6.5, BIAGIANTI 6, MANNEH 6.5 (ZE TURBO 7); MAZZARANI 6, RIPA 7.5 (ROSSETTI 6.5). ALL. LUCARELLI 7.5

Articoli simili


Articoli scritti dalla Redazione.

Advertisement

Leggi articolo precedente:
INPS – Reddito di inclusione: arriva il sì del Consiglio dei Ministri

Il reddito di inclusione partirà il primo gennaio 2018 e sarà indirizzato alle famiglie con reddito pari a 6000 euro...

Chiudi