LAVORO – Pubblicato il bando per il concorso Esercito italiano

Il primo concorso dell’anno 2017 è stato appena pubblicato. Il Ministero della Difesa ha reso noto il secondo bando di concorso finalizzato al reclutamento di 6000 volontari in ferma prefissata di un anno (VFP 1) nell’Esercito. 

Il reclutamento dei volontari sarà diviso in tre blocchi con termini e scadenze differenti: 

  • 1° blocco di 2.000 posti, con incorporazione nel mese di luglio 2017. La domanda di partecipazione può essere presentata dal 22 marzo 2017 al 10 aprile 2017, per i nati dal 10 aprile 1992 al 10 aprile 1999;
  • 2° blocco di 2.000 posti, con incorporazione nel mese di settembre 2017. La domanda di partecipazione può essere presentata dal 24 aprile 2017 al 23 maggio 2017, per i nati dal 23 maggio 1992 al 23 maggio 1999;
  • 3° blocco di 2.000 posti, con incorporazione nel mese di dicembre 2017. La domanda di partecipazione può essere presentata dal 21 giugno 2017 al 20 luglio 2017, per i nati dal 20 luglio 1992 al 20 luglio 1999.

Per poter essere ammessi al concorso, sarà indispensabile rispettare i seguenti requisiti:

cittadinanza italiana;
godimento dei diritti civili e politici;
aver compiuto il 18° anno di età e non aver superato il giorno del compimento del 25° anno di età;
aver conseguito il diploma di istruzione secondaria di primo grado (ex scuola media inferiore);
non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
aver tenuto condotta incensurabile;
non aver tenuto comportamenti nei confronti delle istituzioni democratiche che non diano sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;
idoneità psico-fisica e attitudinale per l’impiego nelle Forze Armate in qualità di volontario in servizio permanente;
esito negativo agli accertamenti diagnostici per l’abuso di alcool e per l’uso, anche saltuario od occasionale, di sostanze stupefacenti nonché per l’utilizzo di sostanze psicotrope a scopo non terapeutico;
non essere in servizio quali volontari nelle Forze Armate;
non essere stati condannati per delitti non colposi, anche con sentenza di applicazione della pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna, ovvero non essere in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi;
non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego in una Pubblica Amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze di Pubbliche Amministrazioni a seguito di procedimento disciplinare, ovvero prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze Armate o di Polizia, a esclusione dei proscioglimenti a domanda e per inidoneità psico-fisica.

Per quanto riguarda la domanda di partecipazione, questa deve essere inviata per via telematica tramite il portale on-line del Ministero della Difesa. 

Per poter visionare il bando e la domanda, è possibile accedere al sito internet difesa.it. 

 

Articoli simili


Articoli scritti dalla Redazione.

Advertisement

script async src="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js">
Leggi articolo precedente:
UNICT – Il rettore Basile sul San Marco: “Criticità superabili per scuole specializzazione”

Il Rettore Basile viene rassicurato e rassicura: l'ospedale San Marco avrà delle assegnazioni specifiche nell'ambito della rete ospedaliera universitaria ed...

Chiudi