“Ripartire da sé”, rilanciato il Microcredito per l’impresa al femminile

imprenditoria-femminile

Avviato, con la conferenza stampa del 30 settembre 2013, il progetto “Microcredito per l’impresa al femminile”, un finanziamento riservato alle donne e finalizzato a sostenerle nell’accesso, nell’avvio e nello sviluppo di iniziative imprenditoriali. Il progetto è uno strumento d’aiuto per tutte le donne che vogliono “ripartire da sé”, ovvero dalla possibilità di creare una nuova impresa senza dover fornire garanzie personali alla banca o chiedere aiuto alla famiglia o al proprio marito. Il Microcredito può risolvere il problema dell’accesso al credito che, da sempre, penalizza le donne, che devono sempre far conto con tassi d’interesse maggiori, importi accordati inferiori e maggiori richieste di garanzia. Questa campagna d’informazione offre alle donne la possibilità di prendere parte al mondo imprenditoriale diventandone protagoniste. Accanto alle donne rivestono un ruolo fondamentale glienti, le organizzazioni no profit , le società e gli istituti che collaborano con il microcredito femminile. Tra questi c’è l’Ente nazionale per il Microcredito e il Ministero del Lavoro e dellePolitiche Sociali, che per l’occasione ha lanciato lo spot “Riparti da te! Bella impresa essere donna”. Lo spot pubblicitario rilancia questa possibilità ed è stato presentato nel sitowww.microcreditodonna.eu nel quale si può consultare l’elenco delle organizzazioni aderenti al progetto.

Il prestito agevolato di 24 mesi fino a 10.000 o 25.000 euro è destinato alle nuove attività imprenditoriali o all’inserimento nel mercato del lavoro delle donne. La domanda può essere presentata all’ENMEnte Nazionale per il Microcredito. La scadenza per presentare la domanda di finanziamento è il 30 novembre 2013 e per richiederlo occorre compilare il modulo di richiesta informazioni con i propri dati. Il modulo è stato pubblicato sul sito ufficiale dell’Ente Nazionale per il Microcredito, al termine dell’invio della richiesta il personale interno contatterà coloro che hanno richiesto il finanziamento affinchè, le donne e gli enti che vogliono collaborare possano essere seguiti nelle fasi di informazione ed erogazione del prestito. È possibile, attraverso l’indirizzo e-mail, scrivere agli addetti per qualsiasi informazione sul finanziamento e la procedura per richiederlo.

Articoli simili


Classe ’92 . “Caffè, libri e tetris di parole”, ha definito la vita così, perché sono queste le tre cose che non devono mai mancarle. Legge da quando ha scoperto che i libri le fanno vivere più vite e sin da piccola scrive ovunque, perché le cose quando si scrivono rimangono. Cresciuta a Mineo è rimasta affascinata dagli scrittori che ivi hanno avuto i natali: Paolo Maura, Luigi Capuana e Giuseppe Bonaviri. Laureata in Lettere Classiche, presso l’Università di Catania, attualmente studia Italianistica all’Alma Mater di Bologna. Redattrice e proofreader per LiveUniCT e membro FAI.

Advertisement

Leggi articolo precedente:
Il ministro Bray annuncia le detrazioni fiscali per chi acquista libri

Il poeta bolognese Roberto Roversi ha pubblicato una sua raccolta di poesie, intitolandola Libri e contro il tarlo inimico. Quel tarlo che oggi...

Chiudi