Economia e Impresa In Copertina

UNICT- Economia e Impresa, i dati AlmaLaurea: il 62% vuole restare in Sicilia

economia-unict
UNICT- i dati di AlmaLaurea sul dipartimento di Economia e Impresa: il 62% dei neo-laureati vuole restare in Sicilia

Il Consorzio universitario AlmaLaurea ha rilasciato il XXVI rapporto annuale sui profili universitari e le condizioni occupazionali degli studenti italiani laureati nel 2023. Tra i vari dati raccolti, utili per capire le prospettive dei neolaureati, sono inclusi anche quelli relativi agli studenti del Dipartimento di Economia e Impresa dell’Università di Catania.

Il profilo dei laureati

Nel 2023 i laureati al dipartimento di Economia e impresa dell’università di Catania sono stati 592, di cui in percentuale il 52% uomini e il 47,1% donne. L’età media del conseguimento è 25 anni. Riguardo all’origine sociale, quasi il 70%  ha entrambi i genitori non laureati, segno di un’importante evoluzione del livello di istruzione rispetto alle generazioni passate.

Il 66% dei laureati ha frequentato un liceo, in percentuale maggiore vince il liceo scientifico con ben il 44%.

Competenze Universitarie

La maggior parte degli studenti di Economia e Impresa porta a termine il proprio percorso universitario, scelto per motivazioni principalmente “culturali e professionalizzanti“, secondo i dati infatti il 52,5 % degli studenti si laurea in tempo e con un voto medio di 100. Per conseguire il titolo mediamente i ragazzi impiegano 4 anni, frequentando in maggioranza (circa 60% dei ragazzi) più del 75% degli insegnamenti.

In ambito d’impiego quasi il 58% dei ragazzi ha avuto delle esperienze di lavoro durante il corso, ma solo il 34% di essi ha avuto un’esperienza coerente con il percorso di studi.

L’esperienza universitaria

Riguardo il percorso universitario quasi il 91% si ritiene soddisfatto del corso di laurea
con il 44% decisamente soddisfatto. Anche i rapporti con i docenti e quelli interpersonali sembrano generalmente positivi, con alte percentuali di soddisfazione.

Importante sottolineare come il 70% degli studenti si iscriverebbe di nuovo allo stesso ateneo, grazie ai servizi e alle iniziative di formazione.

Le prospettive di studio e di lavoro

Quasi il 70% dichiara di voler continuare il percorso di studi dopo la triennale, infatti il 55% vuole continuare facendo una magistrale biennale. Solo il 2,5 % vuole proseguire con il dottorato di ricerca e solo il 6% con un master universitario. Il 29% invece non intende proseguire gli studi.

Competenze professionali, carriera, guadagno e stabilità sono questi gli elementi che gli studenti ricercano maggiormente nelle future possibilità lavorative. Tra tutte l’acquisizione di professionalità sembra essere la più importante, a seguire la possibilità di una carriera di guadagno, nonchè la stabilità del posto di lavoro.  Meno importanti sono invece le opportunità di contatti con l’estero e la rispondenza agli interessi culturali.

Il 62% dei laureati vorrebbe lavorare in un settore privato, mentre nel pubblico il 47%, tutti sembrano preferire un orario lavorativo a tempo pieno, seguito dallo smart-working e dal part-time.

I laureati vogliono restare in Sicilia?

I neo-laureati sono ben disposti a lavorare nella loro regione di appartenenza, circa il 70% accetterebbe di lavorare nella propria provincia di residenza, mentre il 72% nella provincia degli studi.

I neo-laureati sono quindi disposti a rimanere in Sicilia o comunque nell’Italia meridionale, il 41,3% invece sarebbe disposto a trasferirsi in uno stato europeo, mentre solo il 22% in uno stato extraeuropeo.

La disponibilità ad effettuare trasferte di lavoro, anche con il trasferimento della stessa residenza, è abbastanza alta, con una percentuale del 44%, mentre solo il 5% non è disponibile a trasferirsi.


 UNICT- Fisica ed Astronomia, cresce l’occupazione femminile: i dati di AlmaLaurea 2024

A proposito dell'autore

Elisa Caruso

Studentessa di Giurisprudenza appassionata di giornalismo scrive per LiveUnict. I suoi interessi spaziano dalla letteratura all'arte fino alle battaglie sociali e all'attivismo. Collabora con la redazione live Unict dall'ottobre 2023.