Attualità

Assegno unico novembre 2023: date e importi

concorso inps
Notizie in arrivo per l'arrivo dell'assegno unico avverrà a novembre 2023: vediamo insieme quali sono le date e i criteri di distribuzione.

Il calendario dei pagamenti INPS per il mese di novembre 2023 presenta le scadenze relative alle prestazioni che saranno versate, dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, ai beneficiari dell’Assegno Unico e universale per i figli, dell’indennità di disoccupazione NASpI e delle pensioni. Vediamo adesso le specifiche per l’assegno unico.

Assegno unico Novembre 2023

Nella seconda metà del mese, precisamente nei giorni tra il 16 ed il 18, verrà erogato l’assegno unico per coloro che sono risultati beneficiari. Se invece è stata inoltrata la richiesta in un momento successivo allora verrà erogato al termine del mese successivo a quello a cui è stata presentata la domanda. Sussiste inoltre un incremento della metà per l’assegnano unico per le famiglie con figli di età inferiore ad un anno e per quelli con tre o più figli (l’Isee non deve superare 40.000), nel caso invece di figli disabili non ci sono limiti di età.

Tutti coloro che risultano beneficiari del nuovo sussidio dovranno presentare il modello Isee 2023 entro il nuovo anno.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

Assegno Unico 2023: genitori vedovi

Nel caso in cui ci siano famiglie con due genitori lavoratori, per favorire il lavoro femminile, verrà erogato un supplemento di 30 euro per ogni figlio, questo però non può essere richiesto nel caso di un solo genitore lavoratore. Questa normativa non tiene quindi conto delle problematiche dei nuclei vedovili. È stato subito precisato che sarà esteso anche per le famiglie nel caso in cui uno dei due genitori sia deceduto nell’anno in cui viene riconosciuto il sussidio, l’aumento è per un periodo massimo di 5 anni.

Assegno Unico 2023: erogati già 14,3 miliardi

Sono già stati erogati 14,3 miliardi di euro, possiamo notarlo grazie all’osservatorio statistico dell’Inps dove gli importi destinati sono stati destinati ad oltre 9,6 milioni di figli. L’importo base va da circa un minimo di 54,10 euro ad un massimo di 189,20 euro, ovviamente le somme dipendono dalla fascia d’Isee. Quello di gennaio invece, ricorda l’Inps, andrà da poco meno di 50 euro a 198 euro per la classe Isee minima.


 Disservizio idrico in corso a Catania: le zone interessate

Lite per il parcheggio in un centro commerciale: gambizzato un uomo