Speciale Sant'Agata

Festa estiva di Sant’Agata, no alla processione: come sarà

Le celebrazioni estive della Patrona si avvicinano e Catania si prepara a festeggiarla: tuttavia anche quest'anno, a causa del Coronavirus, vigeranno importanti limitazioni.

Anche quest’estate i cittadini di Catania non potranno festeggiare come prima dello scoppio della pandemia la patrona della città, Sant’Agata. Ai fedeli è richiesta, di fatto, ancora cautela per via dell’emergenza sanitaria ancora in atto. Già negli scorsi giorni era stato anticipato qualcosa a riguardo.

Le disposizioni 2021

Secondo quanto stabilito durante una riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica convocata dal Prefetto in merito alla ricorrenza estiva della festività di Sant’Agata:

  • le reliquie saranno esposte sull’altare maggiore della Cattedrale il 16 e 17 agosto;
  • non verrà esposto il busto ligneo della Patrona;
  • l‘ingresso dei fedeli avrà un flusso contingentato.

La celebrazione liturgica

Come l’anno scorso la celebrazione liturgica, l’apertura del sacello e l’uscita del busto avverranno a porte chiuse: i fedeli potranno seguire le funzioni solo telematicamente. La celebrazione del 17 marzo, di fatto, verrà trasmessa in streaming: il pubblico non potrà entrare in cattedrale né si terrà la tradizionale processione.

Le candelore

I catanesi, inoltre, non potranno scorgere le candelore tra le vie della città: queste saranno esposte in chiesa di S. Nicolò, in piazza Dante. La folla, infine, verrà sempre contingentata, grazie a un servizio d’ordine predisposto per l’occasione e volto ad evitare assembramenti.

Università di Catania