News

Green pass obbligatorio per i ristoranti con una dose: oggi la decisione finale

Oggi, durante la cabina di regia a Palazzo Chigi, saranno discusse le nuove misure da adottare in merito al green pass e saranno stabiliti i nuovi parametri per i cambi colore delle regioni.

Oggi, a Palazzo Chigi, sarà convocata una riunione, nella quale si discuteranno le misure da adottare in merito all’utilizzo del green pass. Sarà proprio il Presidente Mario Draghi ad illustrare le nuove misure inerenti le novità del certificato verde.

Dai governatori è già arrivato il via libera all’obbligo della certificazione verde in zona bianca, purché sia consentito il rilascio anche a chi non ha completato il ciclo vaccinale. Per questo nel provedimento sarà specificato che chi ha già ricevuto la prima dose debba effettuare il richiamo, altrimenti il green pass perderà validità

Discusso è il tema dei parametri per definire i colori delle regioni. Infatti, la mediazione va avanti da giorni perché i presidenti delle Regioni ritengono che le percentuali indicate dal governo – 5% per le terapie intensive e 10% per i reparti medici “siano troppo restrittive” e stamattina presenteranno una controproposta.

Green pass

Le previsioni fanno ben pensare che in fascia bianca vi sarà l’obbligo di aver ricevuto almeno una dose di vaccino per accedere ai ristoranti al chiuso, doppia dose nei luoghi di assembramento come navi, treni ed eventi. 

Proprio per incentivare i cittadini a completare il ciclo vaccinale, nel decreto sarà specificato che il green pass rilasciato a chi ha fatto la prima dose non sarà più valido se non ci si presenta all’appuntamento per la seconda.

Per quanto riguarda i soggetti guariti dal covid, ieri il direttore della Prevenzione del ministero della Salute Giovanni Rezza ha firmato la circolare che prevede “un’unica dose di vaccino per i soggetti con pregressa infezione da Sars-CoV-2 (decorsa in maniera sintomatica o asintomatica), purché venga eseguita preferibilmente entro i 6 mesi dalla stessa e comunque non oltre 12 mesi dalla guarigione”.

Rimani aggiornato