News

Regioni cambiano colore l’8 febbraio: la Sicilia torna gialla?

sicilia zona gialla
Foto: Cecilia Fabiano
Arriva il nuovo report sull'andamento dei contagi nelle Regioni, che deciderà il cambio colore per alcune. La Sicilia tornerà gialla? Ecco le novità.

La Sicilia è tornata arancione dopo un breve periodo in rosso. Ci si chiede, in queste ore, se il giallo potrebbe arrivare l’8 febbraio con il nuovo cambio cambio colore delle regioni a seguito del nuovo monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute. In particolare, questo prenderà in esame i dati relativi alla settimana dal 25 al 31 gennaio 2021.

Sicilia zona gialla?

Sebbene la curva dei contagi sia evidentemente in calo da qualche settimana, la situazione nell’Isola non sembra essersi ancora del tutto stabilizzata. Proprio oggi è entrata in vigore una nuova zona rossa nel Comune di Tortorici a seguito dell’aumento esponenziale dei contagi. I dati, tuttavia, sono buoni e – se tutto rimane confermato – l’RT dell’Isola dovrebbe attestarsi intorno allo 0.73.

Secondo il report settimanale della cabina di regia dell’Istituto superiore di Sanità, nella settimana dal 25 al 31 gennaio il fattore Rt è sceso da 0.98 a 0.73, al di sotto della soglia limite di 1 che fa scattare l’arancione e inferiore alla media italiana di 0.84. I dati della Sicilia erano già buoni dopo l’ultima valutazione, ma le regole non prevedono che si possa saltare dalla zona rossa alla zona gialla e stabiliscono che si debba rimanere nella fascia di colore assegnata almeno per due settimane. Quindi, se tutto dovesse rimanere com’è, la zona gialla in Sicilia scatterà dal 14 febbraio 2021.

Quali regioni cambieranno colore

Il primo cambio fascia che si prevede è quello che riguarda la Sardegna. Quest’ultima, da lunedì potrebbe passare dalla fascia arancione a quella gialla, portando a 16 regioni e provincia autonoma nella fascia più ‘light’ della classifica. Tutte le aree attualmente in zona gialla (Emilia Romagna, Marche, Veneto, Val d’Aosta, Lombardia, Piemonte, Toscana, Lazio, Campania, Basilicata, Liguria, e Calabria) dovrebbero rimanere tali. 
A rischiare la zona rossa è invece l’Umbria. Nella Regione l’Rt è attorno a 1, il rapporto positivi-casi testati nella settimana tra il 27 gennaio e il 2 febbraio è del 23,6%. Preoccupa, inoltre, un cluster a Perugia. A tornare autonomamente in zona rossa sarà, invece, la Provincia autonoma di Bolzano per tre settimane.

Rimani aggiornato