Terza Pagina

Bonus bici: le ultime novità e come ottenerlo

buono acquisto bici e monopattini
Stanchi degli spostamenti in auto? Con il nuovissimo bonus bici sarà possibile cambiare le vostre abitudini. Tutte le novità sul celebre contributo.

Bonus bici: ecco il contributo a cui il Governo ha pensato per favorire gli acquisti e, al tempo stesso, sviluppare la mobilità sostenibile.

Bonus bici: di cosa si tratta?

Il bonus bici, o bonus mobilità, è un contributo dal tetto massimo di 500 euro che copre fino al 60% della spesa sostenuta per l’acquisto di mezzi per la micromobilità.

Bonus bici: come funziona?

Il bonus bici può essere fruito utilizzando una specifica app che è in via di predisposizione. Questa sarà accessibile, anche dal sito istituzionale del Ministero dell’ambiente, entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto interministeriale attuativo del Programma buono mobilità. Per accedere all’applicazione è necessario però disporre delle credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Ecco come, poi, gli interessati dovranno procedere:

  1. in una prima fase, al cittadino spetterà un rimborso del 60%. Per ottenerlo è necessario conservare il documento giustificativo di spesa (la fattura e non solo scontrino) e allegarlo all’istanza da presentare mediante l’applicazione web;
  2. nella seconda il cittadino pagherà al negoziante aderente direttamente il 40% e sarà il negoziante aderente a ricevere il rimborso del 60%.  Lo sconto si otterrà generando un buono spesa digitale tramite l’apposita app (facendo attenzione ad indicare  il mezzo o il servizio che intendono acquistare: questo verrà poi consegnato ai fornitori autorizzati per ritirare la bici o godere del servizio scelto.

La prima fase va dal 4 maggio 2020 fino al giorno di inizio operatività dell’applicazione web: quest’ultima data segnerà poi l’inizio della seconda fase.

Bonus bici: cosa si può acquistare

Il bonus mobilità può essere richiesto una sola volta e per l’acquisto di un solo bene o servizio. Quale?

  • biciclette nuove o usate, sia tradizionali che a pedalata assistita;
  • handbike nuove o usate;
  • veicoli nuovi o usati per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (monopattini, hoverboard, segway);
  • servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante auto.

Bonus bici: chi può richiederlo?

Si precisa che è stata da poco smentita una notizia relativa al bonus bici: questo non potrà essere richiesto solo dai cittadini in Comuni sopra i 50mila abitanti. Possono usufruire del buono mobilità per l’anno 2020 i maggiorenni che hanno la residenza (e non il domicilio):

  • nei capoluoghi di Regione (anche sotto i 50mila abitanti);
  • nei capoluoghi di Provincia (anche sotto i 50mila abitanti);
  • nei Comuni con popolazione superiore a 50mila abitanti;
  • nei comuni delle Città metropolitane, anche al di sotto dei 50mila abitanti.

Bonus bici: le città interessate

Le Città metropolitane coinvolte nell’iniziativa sono 14.  Potranno utilizzare del bonus bici i cittadini di Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma Capitale, Torino, Venezia.

Bonus bici, come funziona: le spiegazioni del Ministero

Bonus bici: a Catania quasi introvabili, è assalto ai negozi [FOTO]

Bonus bici: non bastano i fondi? Ipotesi “click-day”

Università di Catania