Università

Università di Catania: una mozione a sostegno di Patrick Zaki

Il Senato accademico ha approvato un documento di solidarietà verso lo studente egiziano arrestato al Cairo.

Su proposta del rettore Francesco Priolo, il Senato accademico dell’Università di Catania ha approvato una mozione di solidarietà e sostegno a Patrick Zaki, lo studente di origine egiziana iscritto alla laurea magistrale Erasmus Mundus “Gemma” in Women’s and Gender Studies dell’Università di Bologna, arrestato nei giorni scorsi al Cairo e accusato di propaganda sovversiva e diffusione di notizie false.

Accogliendo l’invito espresso dall’ateneo bolognese e associandosi all’iniziativa della Conferenza dei rettori, il Senato dell’Università di Catania, ha ribadito, a nome di tutta la comunità accademica etnea, il forte auspicio che la libertà di ricerca venga sempre rispettata e tutelata, facendo appello al governo nazionale e alle istituzioni dell’Unione europea affinché intercedano costantemente con le autorità egiziane per garantire che l’incolumità e i diritti fondamentali del giovane studente non siano in alcun modo violati.

“La libertà di pensiero e di ricerca – ha affermato il rettore, esprimendo vicinanza allo studente e alla sua famiglia – la responsabilità e l’impegno sociale, la libera mobilità di studenti e studiosi sono valori di civiltà e strumenti di circolazione delle idee e di condivisione dei saperi che contraddistinguono l’attività universitaria a tutti i livelli. Per tali ragioni, chiediamo che vadano difesi, con ogni strumento e con la massima dedizione, la libertà individuale, i diritti politici e la libertà di espressione, e si favorisca in tempi rapidi il ritorno di Patrick agli studi nella sua comunità universitaria”.