In Copertina Università

Un progetto di ricerca oncologica dell’Università di Catania in onda su Rai2

“ULTRAPLACAD” è un progetto catanese che ha richiamato l'attenzione della Rai e di premi internazionali, coordinato dal prof. Giuseppe Spoto, ordinario di Chimica analitica al Dipartimento di Scienze chimiche dell'Università di Catania.

Il progetto, finanziato dal programma Horizon 2020 “Personalising health and care (H2020-PHC-2014-two-stage)”, è un’iniziativa d’eccellenza tanto da essere stato annoverato tra le Success Stories della Commissione Europea per la sua idea potenzialmente rivoluzionaria, interessante e innovativa. Conclusosi alla fine del 2018, ha realizzato un prototipo industriale di un nuovo strumento per biopsia liquida, collocato nei laboratori dell’Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” di Roma.

Si tratta di un dispositivo compatto e dai costi contenuti, per l’individuazione dei biomarcatori del cancro che circolano nel sangue, che intende offrire ai medici la possibilità di controllare più pazienti e portare a una diagnosi precoce del cancro, oltre a un miglioramento dei trattamenti di follow-up dopo l’intervento chirurgico. L’obiettivo, infatti, è quello di riuscire a diagnosticare questa forma di tumore già nelle primissime fasi del suo sviluppo attraverso un semplice prelievo di pochi millilitri sangue, senza bisogno di ricorrere a metodi diagnostici più invasivi. Le ricerche, coordinate dal Consorzio interuniversitario INBB attraverso l’Università di Catania, hanno coinvolto sette Paesi europei e 13 centri di ricerca e aziende che hanno lavorato per mettere a punto un nuovo metodo di analisi in grado di verificare la presenza di alcune molecole associate al tumore del colon-retto direttamente sul sangue dei pazienti (biopsia liquida), sfruttando le nuove tecnologie per l’analisi molecolare ultrasensibile.

Di recente, inoltre, il Parlamento europeo, attraverso il suo servizio di ricerca, ha attivato un portale disponibile in tutte le lingue europee su “Cosa fa per me l’Europa”, che presenta – tramite alcune brevi schede organizzate per temi – alcune delle numerose iniziative attivate a vantaggio dei cittadini dell’Unione. ULTRAPLACAD è uno dei 5 progetti citati, su oltre 1600 progetti finanziati dal programma Horizon 2020 sul tema “cancro”, nella scheda che descrive cosa l’Europa faccia per i “Pazienti affetti da cancro”.

Il programma “Memex Nautilus” del canale tematico digitale “Rai Scuola”, nella puntata dal titolo “Sangue, il fluido della vita” andata in onda il 12 settembre (e in replica il 19 settembre), ha dedicato ampio spazio a quanto costruito all’interno dell’ospedale Regina Elena (partner del progetto ULTRAPLACAD) in relazione ai metodi di biopsia liquida sviluppati proprio nel contesto di tale ricerca. Il servizio spiega cosa sia la biopsia liquida e mostra il prototipo industriale ULTRAPLACAD realizzato all’interno del progetto.

Tra gli intervistati, il dottor Patrizio Giacomini, responsabile dell’unità di biopsia liquida del “Regina Elena”, che ogni anno accoglie diverse migliaia di pazienti oncologici, componente del Comitato Scientifico dell’Istituto Superiore di Sanità e vincitore, per l’anno 2019 del “Best Practice in Personalised Medicine” Recognition, assegnato da The International Consortium for Personalised Medicine (ICPerMed). Il dott. Giacomini è stato premiato proprio per il lavoro svolto per Ultraplacad, che ha integrato metodi basati sulle nanotecnologie per lo sviluppo di nuovo approcci per la diagnostica dei tumori.

Da TWITTER

#revengeporn: condividere online foto intime del partner è #reato https://catania.liveuniversity.it/2019/10/18/revenge-porn-legge-reato/

#università di #catania: la storia dell'ateneo più antico in #sicilia. Buon compleanno @unict_it @uni_ct ! https://catania.liveuniversity.it/2019/10/19/storia-sicilia-fondazione-unict/ di @liveunict

Load More...