Scuola

TFA sostegno: a breve il bando dell’Università di Catania

Tfa sostegno: le ultime notizie sulle specializzazioni all'Università di Catania.

TFA sostegno: sono 14 mila i posti disponibili in tutte le università italiane per partecipare alle specializzazioni nell’anno accademico 2018/19.

Molte università hanno già pubblicato i bandi per l’ammissione a questi percorsi specifici. Anche l’Università di Catania ha comunicato che a breve sarà pubblicato il bando. Secondo il decreto, saranno disponibili per il TFA sostegno a Catania 300 posti complessivi: di questi 50 per il sostegno nella Scuola d’infanzia, 50 per la Scuola primaria, 100 per la Scuola secondaria di primo grado, 100 per la Scuola secondaria di secondo grado.

Le prove di accesso ai corsi sono già state fissate: il 28 marzo di mattina per la Scuola dell’infanzia e di pomeriggio per la Scuola primaria, il 29 marzo di mattina per la Secondaria di I grado e di pomeriggio per la Scuola secondaria di II grado.

Leggi anche: Miur, TFA sostegno: tutti i posti disponibili per regione e università.

“In tre anni – aveva dichiarato Bussetti – specializzeremo 40.000 nuovi insegnanti sul sostegno per garantire un servizio migliore ai nostri studenti. Partiamo con questi primi 14mila posti e proseguiremo, nei prossimi due anni, con una precisa programmazione che mette al centro il bene della scuola e degli studenti con disabilità. Era un impegno che avevo preso fin dai primi mesi del mio mandato e che stiamo concretizzando rapidamente. Il sostegno è un problema annoso, lo stiamo affrontando con serietà e con una visione di lungo periodo”.


Leggi anche: “TFA sostegno 2019: date e info utili per sostenere l’esame”

 

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.

Altro... bando, sostegno, specializzazione, tfa, unict
“M’illumino di meno” al Monastero: tour e visite guidate

Torna, per il decimo anno consecutivo, "M'illumino di meno" al Monastero dei Benedettini.

Cittadella, attraversamento pericoloso: una petizione per sottopassaggio

Lanciata una petizione per realizzare un sottopasso, che permetta agli studenti di raggiungere la Cittadella universitaria in sicurezza.

Chiudi