Cronaca

Catania, blitz antidroga a San Cristoforo: 200 militari in azione

Imponente operazione antidroga nel celebre quartiere di San Cristoforo a Catania. Indagati per spaccio di droga.

Blitz antidroga stamani nel celebre quartiere di San Cristoforo della città di Catania. All’operazione, denominata “Bivio”, hanno preso parte circa 200 militari del Comando provinciale di Catania, Nucleo Elicotteri di Fontanarossa, squadre della Compagnia di Intervento operativo del XII Reggimento “Sicilia” e unità cinofile.

Dalle prime ore del mattino, le forze dell’Ordine sono impegnate nell’esecuzione di un provvedimento di custodia cautelare emesso dal gip del Tribunale di Catania su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia nei confronti di 27 persone, di cui tre minorenni per cui sta procedendo la Procura dei Minori.

Gli indagati sono ritenuti responsabili a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, cocaina e marijuana. L’indagine è stata effettuata dai carabinieri della Compagnia di Piazza Dante e ha portato alla luce la presenza nel quartiere, considerato il supermarket cittadino della droga, di due piazze di spaccio controllate da due differenti gruppi criminali che collaboravano tra loro tramite vedette per avvisare i pusher circa l’eventuale presenza della polizia.

Durante la conferenza stampa tenutosi stamattina nella sala stampa della Procura distrettuale della Repubblica di Catania, il Procuratore capo Carmelo Zuccaro ha spiegato che le indagini si sono svolte tra aprile e agosto dello scorso anno e una volta concluse le intercettazioni è stata redatta l’informativa e il pm della Dda ha formulato la richiesta di arresto, successivamente accolte dal Gip.

Il comandante provinciale dei Carabinieri di Catania, Raffaele Covetti ha poi precisato che i due gruppi criminali erano organizzati a livello gerarchico, con ruoli tuttavia intercambiabili, e che operavano in due differenti turni, uno mattutino e uno pomeridiano.

Sono stati sequestrati oltre cinque chili di marijuana e 200 grammi di cocaina e si tiene conto che il fatturato delle due piazze si aggirava intorno ai 15 mila euro al giorno. Inoltre è stata accertata la disponibilità di armi da fuoco.

L’operazione è stata denominata Bivio perché lo spaccio avveniva al “bivio” tra la via Alogna e la via Trovatelli di San Cristoforo. Il primo gruppo, quello di via Trovatelli, era specializzato in cocaina, mentre il secondo (via Alogna) smerciava sia marijuana che cocaina.