Scuola

60 anni di Educazione civica: a Catania convegno sulla disciplina

Nella città etnea si terrà un convegno che onora i sessant'anni dall'introduzione nelle scuole italiane della "Educazione Civica" come materia di studio.

Una di quelle materie che molti rimpiangono o giudicano fin troppo sottovalutata nelle scuole, specie in relazione ad avvenimenti di cronaca che coinvolgono giovani e studenti: si parla dell’Educazione civica e se ne parlerà anche nel convegno ad essa dedicato che avrà luogo a Catania mercoledì 13 giugno presso l’Auditorium del “Palazzo ex ESA”, sito a piazza San Domenico.

L’incontro si terrà appositamente a Catania, dove nel 1957 venne organizzato un convegno di portata nazionale in quel di Castello Ursino e nel corso del quale si stabilirono le basi per la nascita dell’Educazione civica stessa, promossa e difesa dall’Unione Cattolica degli Insegnanti (UCIIM) e inserita nei programmi scolastici già a partire dal 1958. Lo stesso movimento che oggi sente il bisogno di celebrare i sessant’anni di tale evento, anche in virtù delle criticità riscontrate nelle scuole italiane in materia civica.

L’evento è patrocinato anche dalla Unione Cattolica della Stampa Italiana (UCSI), che ha voluto ribadire la sua presenza a tutela soprattutto della libertà di educazione, promossa dalla Costituzione Italiana. A partire dalle ore 16.00, si susseguiranno gli interventi dei moderatori, tra cui Giuseppe Adernò (presidente della sede catanese dell’UCSI), don Giuseppe Costa (direttore della Libreria Editrice Vaticana) e Maria Teresa Moscato, docente di pedagogia all’UNIBO.

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.

Altro... catania, convegno, educazione civica, UCIIM
Metro Shuttle, cambiano gli orari del bus navetta Fce

In vigore da ieri l'orario estivo per il servizio della Ferrovia Circumetnea con capolinea alla stazione metropolitana di Milo.

Catania, ritrovato anche il secondo dei fratelli dispersi alla Playa

Nella mattinata la segnalazione di un pescatore del luogo, che ha avvertito subito le autorità competenti dopo la macabra scoperta.

Chiudi