Musica

Musica, The Voice of Italy: 4 siciliani si giocano la semifinale

Stasera su Rai 2 andrà in onda la sesta puntata di The Voice of Italy. Nel talent musicale, giunto ormai alla quinta edizione, si contendono un posto per la fase successiva tre talenti "catanesi".

Il palco di The Voice of Italy 2018 è pronto ad ospitare ancora una volta i Knock Out. Stasera infatti – nel programma condotto da Costantino della Gherardesca – Al Bano, J-Ax, Francesco Renga e Cristina Scabbia sfoltiranno nuovamente le proprie rose decidendo gli ultimi semifinalisti di questa quinta edizione. La gara vedrà ogni coach suddividere il proprio team in tre quartetti, assegnando una canzone a ciascun cantante, e alla fine delle performance un solo concorrente di ciascun gruppo verrà salvato, ottenendo quindi il pass per la semifinale del programma.

Ad esibirsi stasera saranno quattro talenti siciliani, di cui tre provenienti da Catania e provincia. Il primo a salire sul palco sarà Michele Mirenna della squadra di Al Bano. Nato in Sicilia, al momento vive a Milano facendo il musicista di mestiere. La penna e la chitarra sono le sue compagne da una vita tanto che alle Blind audition, Michele ha proposto Vento di passione di Pino Daniele, accompagnato solo dalla sua sei corde.

Michele Mirenna

Dopo sarà la volta del team J-Ax che vedrà ben due talenti etnei calcare la scena, entrambi giovanissimi: Kimberly Madriaga e Roberto Tornabene. La prima è filippina d’origine, ma vive da sempre a Giarre. Kimberly canta dall’età di 3 anni e adesso che ne ha solamente 18 è arrivata sul palco di “The Voice” colpendo Ax con un’originale nonché impressionante interpretazione di Look at me now, successo di Chris Brown di qualche anno fa.

Kimberly Madriaga

Roberto invece ha 16 anni e viene da Mascali, altro piccolo paese in provincia di Catania. Vittima di bullismo in passato, col talent in onda su Rai 2 può avere la sua grande rivincita. Alle Blind audition aveva “fatto girare” Renga e “lo zio” con River di Eminem e Ed Sheeran, cantando entrambe le parti della canzone.

Roberto Tornabene

A chiudere i Knock out sarà la squadra di Cristina Scabbia, cantante dei Lacuna Coil, nelle cui file milita la 23enne catanese Ylenia Aquilone. Un vero e proprio vulcano che rischiava di rimanere inespresso alle blind audition a causa delle scarpe con il tacco. Alle selezioni, Ylenia ha cantato Addicted to you, brano del dj svedese Avicii scomparso tragicamente qualche giorno fa all’età di 28 anni.

Ylenia Aquilone

Quella in onda stasera sarà la seconda tornata dei Knock Out: i sei che si sono già garantiti un posto nella Battle – giovedì scorso – sono Mirco Pio Coniglio (Team Francesco), Elisabetta Eneh (Team Cristina), Riccardo Giacomini (Team J-Ax), Tekemaya (Francesco Bovino, Team Al Bano), Andrea Tramacere (Team J-Ax), Asia Sagripanti (Team Francesco). Non ce l’hanno fatta purtroppo gli altri tre siciliani in gara: Rosy Castello – di Monterosso Almo – che aveva presentato Pillow Talk di Zayn, Giovanni Saccà – da Sant’Alessio Siculo – che aveva cantato Tutti i colori della mia vita di Zucchero e Antonio Licari con L’estate di John Wayne di Raphael Gualazzi.

Edward Agrippino Margarone

Edward Agrippino Margarone nasce a Caltagirone il 13 Giugno 1990. Cresce a Mineo dove due grandi passioni, Sport e Musica, cominciano a stregarlo. Il suo nome è sinonimo di concerto tanto che se andate ad un live, probabilmente, è lì da qualche parte. Suona il basso ed è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni.

Altro... catania, Musica, rai 2, talent
Catania, raccolta differenziata: cos’è che non funziona?

La raccolta dei rifiuti rappresenta una questione particolarmente complessa per la città di Catania. Parte della difficile gestione dei rifiuti...

Scienziati catanesi partecipano alla catalogazione di quasi 2 miliardi di stelle

Alla missione, che ha permesso di catalogare miliardi di corpi celesti, hanno dato il loro contributo, tra gli altri, alcuni...

Chiudi